Questione migranti, pressing sul sindaco di Salerno Vincenzo Napoli

In tutta Italia aumentano i sindaci, le organizzazioni e i liberi cittadini che si oppongono apertamente al DDL Salvini sulla sicurezza. Anche in Campania l’Arci mette pressione ai primi cittadini che non si sono ancora schierati in questa battaglia di civiltà e umanità. A Salerno, domani, sarà protocollata una richiesta in Comune, auspichiamo che accada in ogni città per ribadire la nostra contrarietà nell’osservare norme palesemente discriminatorie, contrarie ai principi costituzionali, irrispettose dei diritti umani e che creano caos nelle città e nei territori.

L’Arci scrive al presidente Anci e sindaco di Bari Antonio Decaro

Il testo dell’appello

L’ARCI di Salerno esprime il pieno, incondizionato sostegno ai sindaci Orlando e De Magistris e a tutti i sindaci democratici che hanno dichiarato in questi giorni la propria indisponibilità ad osservare le norme contenute nel cosiddetto decreto “sicurezza” , che calpestano i diritti civili e la Costituzione italiana.

In particolare,  con una lettera che sarà protocollata lunedì prossimo, la nostra organizzazione chiederà al Sindaco Vincenzo Napoli di schierarsi apertamente contro una legge che viola i valori fondamentali del nostro ordinamento,  rifiutandosi di osservare le norme in essa contenute che riguardano aspetti di specifica competenza dei Comuni.

 Chiediamo al Sindaco di continuare a consentire ai richiedenti asilo politico e ai migranti  titolari di permesso di soggiorno per motivi umanitari l’iscrizione anagrafica nelle liste del Comune di Salerno ed il rilascio della carta di identità.

Crediamo che sia urgente una presa di posizione forte contro chi continua a mostrare i muscoli e  sacrifica in nome del consenso dei bambini ammalati, lasciandoli in mezzo al mare.

La residenza anagrafica e la carta di identità non sono state mai concesse, nel nostro Paese, ai clandestini.  Da sempre, il migrante che  richiede l’iscrizione all’anagrafe deve essere titolare di un permesso di soggiorno e con la carta di identità potrà svolgere un tirocinio in azienda e imparare un mestiere,  lavorare con un contratto regolare.

Le norme vigenti consentono ad un migrante che chiede asilo in Italia di essere assunto con un regolare contratto di lavoro, ma questa legge stabilisce ora che lo stesso migrante non può avere la carta di identità.

Negare ai migranti legittimamente presenti sul nostro territorio l’accesso alla residenza e l’acquisizione del documento di identità non c’entra nulla con la sicurezza,  semmai significa alimentare la clandestinità, lo sfruttamento, il lavoro nero e quindi creare il caos a scapito dell’inclusione sociale, minando tutte quelle pratiche e quei percorsi di integrazione alla base di una sana gestione del fenomeno migratorio.

Pensiamo che la convivenza civile, i diritti umani, la nostra Costituzione valgano di più di una becera attività propagandistica che punta a guadagnare voti riempiendo la testa della gente di menzogne, investendo politicamente sulla pelle di chi cerca, semplicemente, di sopravvivere.