Sorrento Pride 2019

Arriva il 14 Settembre 2019 il Pride nella città di Sorrento, promosso dal collettivo ‘Buonvento tra le costiere’ (Amalfitana e Sorrentina) e ‘Pride-Vesuvio Rainbow’. Sorrento Pride è la manifestazione dell’orgoglio di gay, lesbiche, bisessuali, transessuali, asessuali, intersessuali e queer e celebra la libertà di espressione e di determinazione di ogni individuo. Ad aderire all’iniziativa l’Arci Napoli e l’Arci Mediterraneo.

Coming out of the closet, uscire fuori dall’armadio, è l’espressione con cui la comunità LGBT+ (gay, lesbiche, bisessuali, transessuali e transgender, intersessuali, asessuali, queer…) ha identificato la sua politica di visibilità: dichiararsi è diventato un gesto politico di emancipazione e di liberazione. Il Pride è stato lo strumento cardine di protesta e di lotta, un coming-out collettivo che ha permesso ai singoli di non sentirsi soli, di esprimere in modo libero la propria identità e i propri amori, di rivendicare diritti, di ribellarsi a una società oppressiva e omologante.

Cinquant’anni fa un gruppo di gay, lesbiche e trans uscirono dai loro armadi per prendere le strade di New York contro le retate della polizia, dando vita al primo movimento di liberazione sessuale e di protesta, che la storia ricorda come i moti di Stonewall. Venticinque anni fa a Roma fu la volta del primo GayPride in Italia, nella capitale ci fu, nell’anno del giubileo, il primo world pride; nel 1996 fu la volta della prima parata partenopea (“Jesce sole”), tornata poi a Napoli nel 2010 (“Alla luce del sole”); dal 2013 il movimento lgbt+ ha deciso di moltiplicare le manifestazioni con l’Onda Pride, partita proprio da Napoli: una rete di parate che hanno colorato le strade di più centri urbani, delle periferie, come a Bagnoli nel 2016 e della provincia italiana, creando connessioni con altre minoranze e categorie discriminate, in un’ottica di intersezionalità; l’anno scorso è stato il turno di Pompei, che con l’inno “la Madonna di Pompei vuole bene pure ai gay“ ha raggiunto un territorio a noi limitrofo, grazie al consolidamento dell’associazione Pride – Vesuvio Rainbow.

Le principali richieste dell’iniziativa sono:
– Approvazione della legge regionale contro l’omotransbifobia;
– Adesione alla rete READY di tutti I comuni della penisola sorrentina;
– Riconoscimento della omogenitorialità e interventi nelle scuole contro il bullismo omotransbifobico;
– Politiche per facilitare l’accesso al mondo del lavoro delle persone LGBT, in particolare delle persone transgender;
– Sviluppo di un turismo sostenibile e aperto alle differenze in penisola sorrentina, in particolare rispetto alle persone LGBT+.

Maggiori informazioni al sito ufficiale dell’iniziativa.

#MagnateOLimone (“Mangiati il limone”) è lo slogan del #SorrentoPride che ci sarà il prossimo 14 settembre; è un’espressione napoletana ironica, utilizzata per dire a qualcuno di accettare la realtà, anche se appare scomoda. Guarda la campagna comunicativa