About admin

| Add my circles on Google+ :

Benevento contro il Decreto Salvini #apriteiporti

Riportiamo l’iniziativa che si terrà domani a Benevento e l’appello al quale ha aderito il provinciale Arci Benevento.

APPELLO ALLA SOCIETA’ CIVILE
La società civile della Provincia di Benevento riunitasi spontaneamente nel coordinamento Sannio Antirazzista si autoconvoca in un presidio innanzi alla Prefettura di Benevento per il giorno 9 gennaio 2019 ore 18.30 per manifestare apertamente il pieno dissenso alle politiche disumane dell’attuale Governo Italiano.

Manifestiamo contro i porti chiusi.
In un’Italia assillata dal problema dello spopolamento delle sue aree rurali, dall’emigrazione dei suoi giovani e dall’invecchiamento della sua popolazione, la chiusura dei porti rappresenta un gesto di cinismo ideologico a cui non vogliamo sottostare in silenzio. Il sistema dell’accoglienza diffusa in Italia rappresentava un’eccellenza in Europa ed essere accoglienti è per noi un valore mediterraneo che ci rende leader nel mondo e non succubi di potentati economici e finanziari. I 49 naufraghi ospiti della See Watch possono e devono subito sbarcare in Italia ed essere accolti nei tanti posti liberi degli SPRAR esistenti.

Manifestiamo contro l’Europa dei muri. La Comunità Europea nasce per l’ardente desiderio di pace e di riconciliazione dei suoi padri fondatori. Non è possibile oggi garantire la pace in un mondo dove aumentano le disuguaglianze tra ricchi e poveri, la pace non si difende con i muri e con le armi, ma con l’intelligenza politica ed il dialogo, con l’impegno per l’uguaglianza nella distribuzione delle risorse e per lo sviluppo e l’emancipazione di tutti i popoli. I porti chiusi e l’Europa dei muri e dell’indifferenza costituiscono un grande tradimento all’Europa e ai suoi valori fondativi.

Manifestiamo Contro la Legge 113/2018. Il cosiddetto Decreto Sicurezza rappresenta la deriva disumana e la miopia politica del governo attuale, scaricando l’abbandono di decine di migliaia di migranti sulle spalle già fragili del welfare municipale e non garantendo pari trattamento ai residenti di uno stesso comune, creando una nuova segregazione razziale a cui non pensavamo di dover nuovamente assistere dopo la rovinosa e drammatica cacciata del fascismo dalla nostra patria.

Manifestiamo per esprimere il nostro dissenso a questo decreto.

Manifestiamo per difendere la Costituzione Italiana ed i suoi principi di inclusione, solidarietà e uguaglianza dall’attacco perpetrato da questa legge.

Chiunque ha a cuore le sorti della sua umanità, dell’umanità dei suoi figli e dell’umanità del nostro paese venga al presidio a dichiarare la sua posizione in questa Storia.

Inviateci la vostra adesione come organizzazione o come singoli amministratori.
Le adesioni sono in continuo aggiornamento.

Sannio Antirazzista

Consorzio il Sale della Terra
Caritas Diocesana di Benevento
Azione Cattolica Diocesana
Acli Benevento
Giuristi Democratici – sez. di Benevento
Lidu Benevento
Coordinamento di Libera Benevento
L@p Asilo 31
Confederazione Generale Italiana del Lavoro – Cgil – Benevento
Anpi Benevento
Arci Benevento
Angsa Campania
Uisp Benevento
Associazione La Rete Sociale
Associazione Culturale l’Agorà – Dugenta
Comitato Sannita Acqua Bene Comune
Federazione Provinciale dell’Unione Sindacale di Base
Asia – Usb
Collettivo Studentesco Clandestinamente
DemA Benevento (Democrazia e Autonomia)
Movimento Articolo Uno
Più Europa Sannio

Amministratori:

Giuseppe Addabbo – sindaco di Molinara
Delia Delli Carri – consigliere comunale Benevento
Dario Belfiore – consigliere comunale Foglianise
Claudio Ferrucci – consigliere comunale Amorosi
Stefania Pepicelli – consigliere comunale Ceppaloni
Elio Graziano Fiorillo – consigliere comunale Ceppaloni
Angelina Caliendo – consigliere comunale Ceppaloni
Emilio Imbriani – consigliere comunale Ceppaloni

Questione migranti, pressing sul sindaco di Salerno Vincenzo Napoli

In tutta Italia aumentano i sindaci, le organizzazioni e i liberi cittadini che si oppongono apertamente al DDL Salvini sulla sicurezza. Anche in Campania l’Arci mette pressione ai primi cittadini che non si sono ancora schierati in questa battaglia di civiltà e umanità. A Salerno, domani, sarà protocollata una richiesta in Comune, auspichiamo che accada in ogni città per ribadire la nostra contrarietà nell’osservare norme palesemente discriminatorie, contrarie ai principi costituzionali, irrispettose dei diritti umani e che creano caos nelle città e nei territori.

L’Arci scrive al presidente Anci e sindaco di Bari Antonio Decaro

Il testo dell’appello

L’ARCI di Salerno esprime il pieno, incondizionato sostegno ai sindaci Orlando e De Magistris e a tutti i sindaci democratici che hanno dichiarato in questi giorni la propria indisponibilità ad osservare le norme contenute nel cosiddetto decreto “sicurezza” , che calpestano i diritti civili e la Costituzione italiana.

In particolare,  con una lettera che sarà protocollata lunedì prossimo, la nostra organizzazione chiederà al Sindaco Vincenzo Napoli di schierarsi apertamente contro una legge che viola i valori fondamentali del nostro ordinamento,  rifiutandosi di osservare le norme in essa contenute che riguardano aspetti di specifica competenza dei Comuni.

 Chiediamo al Sindaco di continuare a consentire ai richiedenti asilo politico e ai migranti  titolari di permesso di soggiorno per motivi umanitari l’iscrizione anagrafica nelle liste del Comune di Salerno ed il rilascio della carta di identità.

Crediamo che sia urgente una presa di posizione forte contro chi continua a mostrare i muscoli e  sacrifica in nome del consenso dei bambini ammalati, lasciandoli in mezzo al mare.

La residenza anagrafica e la carta di identità non sono state mai concesse, nel nostro Paese, ai clandestini.  Da sempre, il migrante che  richiede l’iscrizione all’anagrafe deve essere titolare di un permesso di soggiorno e con la carta di identità potrà svolgere un tirocinio in azienda e imparare un mestiere,  lavorare con un contratto regolare.

Le norme vigenti consentono ad un migrante che chiede asilo in Italia di essere assunto con un regolare contratto di lavoro, ma questa legge stabilisce ora che lo stesso migrante non può avere la carta di identità.

Negare ai migranti legittimamente presenti sul nostro territorio l’accesso alla residenza e l’acquisizione del documento di identità non c’entra nulla con la sicurezza,  semmai significa alimentare la clandestinità, lo sfruttamento, il lavoro nero e quindi creare il caos a scapito dell’inclusione sociale, minando tutte quelle pratiche e quei percorsi di integrazione alla base di una sana gestione del fenomeno migratorio.

Pensiamo che la convivenza civile, i diritti umani, la nostra Costituzione valgano di più di una becera attività propagandistica che punta a guadagnare voti riempiendo la testa della gente di menzogne, investendo politicamente sulla pelle di chi cerca, semplicemente, di sopravvivere.

Al fianco dei Sindaci contro il decreto Salvini

Siamo al fianco dei sindaci italiani che chiedono il rispetto dei diritti e della Costituzione. Siamo al fianco di tutti coloro che vedono violata la loro dignità umana ed ogni principio di giustizia naturale. Siamo per riaffermare il valore della nostra civiltà giuridica, i principi fondamentali della Repubblica italiana fondata sul lavoro, l’uguaglianza, la solidarietà e la pace. Per tutto questo, insieme con Leoluca Orlando, Luigi De Magistris, e tutti i sindaci democratici chiediamo che venga disapplicata qualsiasi norma che violi i valori fondamentali del nostro ordinamento.

La legge sulla sicurezza genera illegalità, conflitto sociale, emarginazione, sfruttamento, violenza e morte in terra ed in mare. Divide le comunità, impoverisce il paese, fa ripiombare l’Italia nell’oscurantismo. Crediamo che il confronto democratico, a cominciare dal Parlamento, tra le istituzioni e con i corpi sociali non possa essere più mortificato come è accaduto con la discussione sulla legge per la sicurezza, la tassa sul volontariato e la manovra di bilancio. Siamo preoccupati per la nostra democrazia e per i diritti di tutti. E’ il momento di affermare senza timidezze da che parte stare.

Per questo, siamo al fianco dei nostri sindaci

“Bandi: unica strada possibile? Competizione versus coprogrammazione”

A Salerno il 20 settembre 2018 al Grand Hotel Salerno, nell’ambito della Formazione Quadri Terzo Settore, l’incontro d’approfondimento di Vivaio Sud, alla V edizione su “Bandi: unica strada possibile? Competizione versus coprogrammazione”.

L’evento è organizzato dall’associazione Mecenate90 in collaborazione con il Forum Nazionale del Terzo Settore.

Programma in progress
Ore 10.30
Benvenuti! A cura del Portavoce del Forum del Terzo settore della Campania
Ore 10.45 Apertura dei lavori a cura di:
Maurizio Mumolo Direttore Forum del Terzo Settore
Ledo Prato Segretario generale Mecenate 90
Alberto Improda Avvocato e docente LUMSA

Interventi programmati:
Carola Carazzone Segretario generale Assifero
Gaetano Giunta Segretario generale Fondazione di Comunità di Messina
Marco Imperiale Direttore Fondazione con il Sud
Giorgio Righetti Direttore generale ACRI

Interventi preannunciati:
Massimo Coen Cagli Direttore Scuola di formazione di Fund raising
Natale Giordano Ecomuseo dello Jato
Renato Quaglia Direttore Fondazione FOQUS Napoli
Vincenzo Santoro Ufficio Cultura e Giovani ANCI
Ludovico Solima Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli
Fabio Viola Presidente Tuo Museo

Segue dibattito

Chiusura Lavori: ore 17.30

Per info e iscrizioni: m90@mecenate90.it

Giornata Mondiale del Rifugiato in Campania 2018

 

Il 20 giugno si celebra in tutto il mondo la Giornata Mondiale del Rifugiato, l’appuntamento voluto dall’Assemblea generale dell’Onu, il cui obiettivo è sensibilizzare l’opinione pubblica sulla condizione di milioni di rifugiati e richiedenti asilo. Nello stesso giorno del 1951 l’Assemblea approvò la Convenzione di Ginevra. L’ARCI da sempre lavora per la difesa e l’attuazione di questo diritto e si batte perché si possa giungere a una legislazione compiuta ed efficace perché venga realizzata l’accoglienza ai rifugiati.

SALERNO

Mercoledì 20 giugno, dalle ore 17:30, presso Arci Salerno in via Porta Catena 62, si terrà la Giornata Mondiale del Rifugiato.

Il programma della giornata prevede lo spettacolo “Mamma narranti”: favole inventate, favole diverse e simili, incredibilmente, di e con Andrea Satta, voce, e Angelo Pelini, pianoforte; la presentazione “La partecipazione attiva dei migranti: l’esperienza del progetto MAPO”.

A seguire buffet etnico offerto dai migranti e rifugiati a Salerno.

CASERTA

In questa occasione, lo SPRAR “RISO” Santa Maria Capua Vetere, Solidarci S.C.S., Nero e Non Solo! Onlus in collaborazione con L’Associazione Sportiva Gladiator 1924 organizzano la I edizione del “Torneo Accoglienza”.

L’evento si svolgerà presso lo stadio comunale “Mario Piccirillo” di Santa Maria Capua Vetere (Via Martiri del Dissenso, 81055 Santa Maria Capua Vetere CE) e vedrà protagoniste tre squadre del territorio locale e i rifugiati dello SPRAR
– Gladiator 1924;
– RFC Lions Ska Caserta;
– Asd Sporting Club San Prisco.

Chiuderanno l’evento i #RAWELGUE_DU_BURKINA, un complesso di percussionisti e danzatori africani.

AVELLINO

Sciò – scaccia via il pregiudizio ed Arci Rifuoglio di Avellino vi danno appuntamento il giorno 20 giugno al campo Coni di Avellino alle ore 18.30 e alle ore 19.30 con due repliche dello spettacolo in occasione della giornata conclusiva di Sport days 2018 dedicata al tema dell’integrazione e per celebrare la giornata internazionale del rifugiato.
SI ALL’ INTEGRAZIONE!

NAPOLI

l’Arci a Napoli ha deciso, insieme ad A S D Kodokan Sport Napoli e AICS Napoli, di celebrare con una festa di sport e divertimento.
Una scelta per opporre a chi vuole un mondo chiuso, egoista, cinico un’Italia accogliente, in grado di aprire le sue porte.
Una decisione di opporre al volto scuro e duro di chi dice no i volti divertiti dei ragazzi.
Appuntamento al Kodokan, Piazza Carlo III n.1 Napoli, domani dalle ore 9.30.

Luciana Castellina a “Cinema intorno al Vesuvio” 2018

Al via la rassegna PARLIAMO DI CINEMA con Luciana Castellina mercoledì 20 giugno 2018 alle ore 19.00

Luciana Catellina, scrittrice e presidente onorario Arci, presenta il libro AMORI COMUNISTI sulla terrazza di Villa Bruno a San Giorgio a Cremano (Via Cavalli di Bronzo, 22). L’ingresso è  gratuito.

Li ho chiamati ‘amori comunisti’ non solo perchè questa era la fede dei loro protagonisti, ma perché, per chi si fa coinvolgere dalla Storia fino in fondo, la vita privata e quella pubblica sono così strettamente intrecciate che a volte si confondono.

In programma, 62 giornate di proiezioni alle 21.15, fino al 15 agosto, con ingresso a 4 euro (3 per i possessori della card “Giovani Under 25”, che attestino la propria età mostrando un documento). Il cartellone prevede proiezioni dei film più di successo della stagione, assieme a quelli che, pur se apprezzati, hanno avuto una bassa diffusione nelle sale italiane.

per il programma completo https://www.arcimovie.it/

“Liberarsi dalle paure” – Congresso regionale Arci Campania 2018

Il prossimo 19 maggio, dalle 9:30, presso l’Antisala dei baroni nel Castello del Maschio Angioino a Napoli, Arci Campania celebra il suo congresso regionale in preparazione del prossimo congresso nazionale dell’associazione.

Il tema di questo congresso “Liberarsi dalle paure”, è un invito a reagire per rispondere alle pulsioni ed alle spinte disgregative della solidarietà, della democrazia, dei valori costituzionali di libertà ed uguaglianza che da più parti spingono questo nostro paese verso un futuro incerto. Noi vogliamo invece mettere in campo idee nuove e nuove esperienze organizzate per una società più giusta e solidale, che sappia ripensarsi per offrire un futuro alle prossime generazioni mettendo al centro la pace, il benessere, la partecipazione, la cultura.

L’ Arci è un’associazione costituita da circoli, volontariato ed esperienze di impresa sociale impegnate con i migranti ed i richiedenti asilo, i ragazzi e giovani nella costruzione e animazione di spazi culturali, musicali e aggregativi, per la cultura della legalità, la tutela e la valorizzazione dei beni comuni e in tante altre battaglie di impegno civile e di promozione dell’associazionismo come soggetto di cittadinanza attiva.

L’associazione è presente in tutte le cinque provincie della Regione con i suoi Comitati Provinciali che parteciperanno al congresso attraverso i loro delegati.

Saranno presenti numerosi invitati del mondo del terzo settore, dell’associazionismo, della politica e della società campana.

Parteciperanno:

Luigi De Magistris, Sindaco di Napoli – Lucia Fortini, Assessore all’Istruzione e Politiche Sociali della Regione Campania – Francesca Chiavacci, Presidente Arci Nazionale, Maurizio Mumolo, Direttore Forum Nazionale Terzo Settore – Camillo Cantelli, Presidente Nazionale Arciragazzi – Ovidio Marzaioli, Segretario Movimento Consumatori – Salvo Lipari, Presidente Arci Sicilia – Antonello Sannino, Arcigay Campania – Fabio Giuliani, Libera Campania – Mariateresa Imparato, Legambiente Campania – Ivo Capone, UISP Campania – Filiberto Parente, Forum Terzo Settore Campania – Giuseppe Spadaro, CGIL Campania – Daniele Romano, FISH Campania – Franco Buccino, Auser Campania – Luca Sorrentino, Legacoop Sociale – Nasser Hidouri, Ass. Socio Culturale Islamica di San Marcellino – Nicola Caprio, CSV Napoli – Alfredo Senatore, Arciragazzi Campania – Pina Colosimo, AGCI Campania – Carmine Albano, Ada Campania – Alessandro Papaccio, AICS Campania – Giampaolo Gaudino, Federsolidarietà Campania – Salvatore Esposito, Mediterraneo Sociale.

Concerto del Primo Maggio 2018 a Salerno

Si terrà domani il concerto del Primo Maggio a Salerno, organizzato dalle sigle sindacali CGIL-CISL-UIL, congiuntamente al comitato promotore “Verso il 1° maggio”. L’evento avrà quale parola d’ordine “Diritti, solidarietà e lavoro” e sarà dedicato alle tematiche alla sicurezza sui luoghi di lavoro dando spazio ad artisti giovani e meno giovani che si esibiranno sul palco.

“Mujeres Creando”, un quintetto pop napoletano composto da sole donne che ha vinto di recente il premio Web Social con un suo brano, Roberto Billi, cantautore folk rock, ex frontman della band “I ratti della Sabina” saranno gli artisti che chiuderanno la lunga maratona musicale del Concerto che ritorna a Salerno dopo 11 anni dall’ultima edizione, per iniziativa delle tre sigle sindacali, insieme al Comitato promotore “Verso il Primo Maggio”, con il patrocinio e il sostegno del Comune di Salerno.

Nel corso dell’evento si esibiranno numerose realtà musicali salernitane sulla spiaggia di Santa Teresa, con la sua gradinata e il mare come sfondo. Orario di inizio: le 17.30 (ingresso gratuito).

Il Comitato “Verso il Primo Maggio” riunisce più di trenta sigle del mondo dell’associazionismo culturale e della società civile salernitana. Tra queste Libera, la Fondazione Alfonso Gatto, Amnesty International Salerno, Legambiente, l’Associazione Daltrocanto, l’ARCI di Salerno con diversi suoi circoli. Proprio dal circolo ARCI “Marea”, attivo da alcuni mesi nella zona orientale cittadina, è partito l’appello per la riproposizione della kermesse musicale legata alla festa dei lavoratori dal quale è nato il Comitato promotore.

Diritti, Lavoro e Solidarietà sono le parole d’ordine alla base delle diverse testimonianze che si alterneranno sul palco per offrire uno spaccato della realtà sociale salernitana. Al centro del discorso il tema della sicurezza sul lavoro, il dramma delle morti bianche.

Lo spettacolo vedrà la partecipazione dell’attore salernitano Marco Dell’Acqua e della sua Compagnia “Teatri di Popolo”.

Con il progetto Arci “Accolti e attivi” migranti giardinieri alla Reggia di Caserta

Nigeria, Togo, Costa d’Avorio. Questi i Paesi dai quali provengono i quattro richiedenti asilo che da alcuni giorni fanno parte della squadra di giardinieri della Reggia di Caserta attraverso lo svolgimento di un tirocinio della durata di 6 mesi.  Un’esperienza, che per i beneficiari sarà a titolo gratuito, che vede protagonisti Victor, Bright, Nini e Amadou, resa possibile grazie al progetto “Accolti e attivi”, realizzato dall’Arci e dalla cooperativa Solidarci. Fondamentale per la realizzazione del progetto il sì del del direttore della Reggia Mauro Felicori.

I migranti svolgono l’attività di aiuto giardiniere negli spazi della Reggia di Caserta affiancando i lavoratori e seguendo un percorso formativo che gli consentirà di conseguire la qualifica professionale.

«L’obiettivo è fornire una formazione professionale ai migranti e dare la possibilità di fare integrazione attraverso attività concrete», dice Angelo Ferrillo, presidente dell’Arci di Caserta, «dopo oltre due anni di lavoro fatto di inseguimenti e superamento di ostacoli burocratici il Arci Caserta, con la cooperativa SolidArci, è riuscita a concludere un protocollo con la Reggia di Caserta per l’attivazione di Tirocini Formativi a favore di richiedenti asilo accolti nel progetto SPRAR. I beneficiari supporteranno le maestranze specializzate della ditta che si occupa della manutenzione del giardino nel capolavoro vanvitelliano patrimonio dell’umanità UNESCO. Il progetto è stato presentato dal Prefetto di Caserta, Raffaele Ruberto, Antonio Papa, sindaco di Santa Maria La Fossa, dal direttore della Reggia di Caserta, Mauro Felicori; dalla presidente di Solidarci Società cooperativa Sociale Mara Vitiello, e di Odigie Bright, uno dei quattro tirocinanti-giardinieri. Sono intervenuti anche Daniela di Capua, direttrice del Servizio Centrale SPRAR; Angelo Ferrillo, presidente dell’Arci di Caserta; Giovanpaolo Guadino, Presidente dell’agenzia per il lavoro – Mestieri Campania nonché Walter Massa, responsabile della Rete Accoglienza dell’Arci Nazionale. Le conclusioni sono state affidate al sottosegretario al Ministero dell’Interno, Onorevole Domenico Manzione.»

9°edizione Festival Internazionale del Cortometraggio “Periferia dell’ impero”

On line  sul sito www.periferiadellimpero.it  il bando di partecipazione alla nona  edizione del festival internazionale del cortometraggio “Periferia dell’ impero” organizzato dal circolo Arci Matidia di Sessa Aurunca aderente all’ UCCA  in collaborazione con il comune di Sessa Aurunca e di Film Commission Regione Campania.

Il bando per il 2018 prevede la partecipazione di cortometraggi provenienti da ogni parte del mondo, sottotitolati in italiano, prodotti non prima dell’ anno 2014 o che non abbiano partecipato già alle precedenti edizioni,  dalla durata massima di 20 minuti esclusi i titoli di testa e di coda, a tema libero esclusi documentari, animazioni e video musicali; ogni autore può partecipare con una sola opera.  La scadenza per l’ invio delle opere è fissata per le ore 24,00 del 10 giugno 2018.

Per iscriversi al concorso occorre inviare il link del corto, caricato precedentemente sulla piattaforme Vimeo o You Tube (con l’ eventuale password), allegando un file con la domanda di partecipazione e la ricevuta del contributo spese di euro 5 che è possibile versare anche  tramite PayPal all’ indirizzo mail arci.matidia@libero.it . oppure con un bonifico all’ iban IT65 R076 0114 9000 0101 4087 066  Il tutto ( link, password, domanda di iscrizione e ricevuta di versamento) può essere inviata con una sola mail all’ indirizzo periferiadellimpero@libero.it , questa procedura permette ai filmmaker  di svolgere l’ iscrizione al festival senza muoversi da casa.

Durante la manifestazione finale le opere selezionate saranno proiettate al pubblico  e alla stampa, una nuova giuria di  esperti (anch’essa resa nota sul sito dell’ associazione), assegnerà il premio alla miglior opera e il premio speciale della giuria. Il pubblico presente a tutte le serate sarà fornito di un modello cartaceo con l’ elenco di tutti i corti finalisti e potrà votare l’ opera ritenuta migliore, il corto che avrà ottenuto il maggior numero di voti avrà assegnato il premio del pubblico quale miglior corto .

 Premi in palio ( i premi sono cumulativi cioè ad un corto potrebbe essere assegnato  uno dei premi della giuria più il premio del pubblico.):

  1. Premio “Miglior corto edizione 2018”, euro 500,00 (cinquecento euro) + statuetta.
  2. “Premio del pubblico edizione 2018”, euro 300,00 (trecento euro) + targa personalizzata.
  3. “Premio della giuria edizione 2018”, euro 300,00 (trecento euro) + targa personalizzata.

Inoltre saranno premiati con una targa ricordo e un premio in danaro il miglior attore e la migliore attrice protagonista dell’ edizione 2018.

Il bando completo, la modulistica e tutte le altre info del festival è possibile reperirle sul sito www.periferiadellimpero.it