A Salerno, dal 23 al 28 febbraio, II seminario nazionale FQTS2020

23 febbraio 2016 09:00a28 febbraio 2016 16:00

fqts2020 salerno

Dal 23 al 28 febbraio, al Grand Hotel Salerno – Lungomare Clemente Tafuri 1, i 327 partecipanti al progetto FQTS2020 – appartenenti a reti ed associazioni di volontariato e di terzo settore del Sud – avranno l’opportunità di confrontarsi con esperti di terzo settore e con docenti universitari su tematiche riguardanti il Sud Italia, la partecipazione dei cittadini alla vita delle comunità, la sostenibilità, con un occhio di riguardo all’attualità come i flussi migratori, la gestione dell’accoglienza, le possibilità di sviluppo per il meridione.

Il seminario conclude il primo semestre formativo e rappresenta un momento di valutazione e verifica dell’attività svolta sinora. Inoltre sarà occasione per presentare i temi dell’attività formative del secondo semestre incentrati principalmente sui metodi e le tecniche di partecipazione attiva all’interno delle organizzazioni di terzo settore. Se ne parlerà con un ospite d’eccezione, il professor Stefano Rodotà e con la sociologa di fama mondiale Saskia Sassen, della Columbia University, che aiuterà a comprendere i nuovi paradigmi delle società contemporanee, a partire dalla povertà, dall’ esclusione e dalla partecipazione.

Il 26 febbraio, i due esperti presenteranno in anteprima le loro ultime pubblicazioni: Saskia Sassen “Espulsioni. Brutalità e complessità nell’economia globale” e “Diritto d’amore” di Stefano Rodotà.

Il 23 febbraio invece Andrea Volterrani dell’ Università di Roma Tor Vergata e Gaia Peruzzi dell’Università Sapienza di Roma presenteranno il loro “Manuale di Comunicazione Sociale” edito da Laterza.

FQTS2020 è promosso dal Forum Nazionale del Terzo Settore, Consulta del Volontariato presso il Forum, ConVol – Conferenza Permanente delle Associazioni, Federazioni e reti di volontariato, CSVnet – Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato  ed è sostenuto dalla Fondazione CON IL SUD.

Attivo dal 2010 il progetto formativo, che interessa le sei regioni del Sud Italia(Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna, Sicilia) in questi anni ha totalizzato oltre 5mila ore di docenza e 1.196 partecipanti.

Leggi il programma completo!

Presentazione progetto “Col Territorio Io C’ENTRO”

5 novembre 2015
17:00

beni pubblici napoli arci movie io centro

Il circolo Arci Movie di Napoli ha organizzato l’Open day di presentazione del progetto “Col territorio io C’ENTRO”, nell’ambito dell’avviso GIOVANI PER LA VALORIZZAZIONE DEI BENI PUBBLICI, giovedì 5 dicembre 2015 alle ore 17.00 presso il Centro di Documentazione di via Purgatorio a Ponticelli.

Durante l’incontro verranno presentati i laboratori gratuiti per ragazzi e ragazze dai 14 ai 19 anni: animazione, teatro, danza e musica popolare, orto, cineforum, progettazione territoriale. 

Il progetto si prefissa gli obiettivi di promozione sociale e culturale del territorio; la cura dei beni comuni e la costruzione di un’avvenire solidale.

 
Info: Arci Movie  – Via A.C. de Meis 221
Tel. 0815967493
facebook: ArciMovie Napoli

Legalize it: presentazione proposta di legge Cannabis Legale

29 ottobre 2015
19:00

locandina legalize it scafati arci ferro 3.0

Giovedì 29 ottobre, dalle ore 19:00, si terrà un dibattito sul tema – “Legalize it: presentazione proposta di legge Cannabis Legale” – presso i locali del Circolo Arci Ferro 3.0 a Scafati.
Lo scopo dell’iniziativa è quello di una maggiore sensibilizzazione da parte dei cittadini della proposta di legge sulla Cannabis Legale, presentata – e inserita nel calendario trimestrale di Montecitorio – da 113 deputati e cofirmata da 218 parlamentari.

Tale proposta verrà discussa alla Camera entro la fine dell’anno e prevede, in breve, la legalizzazione di consumo, vendita e coltivazione della marijuana, seppur con molti limiti.
In virtù di tutto ciò, i Giovani Democratici di Scafati insieme al Circolo Arci Ferro 3.0 ritengono sia necessaria una maggiore sensibilizzazione a riguardo e un’ attento studio della proposta di legge.
E’ difficile restare indifferenti agli ingenti ricavi stimati – circa 8 miliardi di euro – in caso di legalizzazione, grazie ai quali si potrebbero, tra le altre cose, raddoppiare i finanziamenti per l’università italiana, installare 1,5 milioni di pannelli fotovoltaici o ancora portare la banda larga in tutto il Paese, costruire 20 nuovi ospedali con 500 posti letti ciascuno, abolire il canone Rai, ripristinare l’Iva al 20 % e quant’altro.

Interverranno:
Mario Barone – Associazione “Antigone” Campania;
Vincenzo De Feo – Professore Ordinario presso il Dipartimento di Farmacia dell’Università degli studi di Salerno;
Matteo Trapani – Segreteria Nazionale GD;
Francesca Coleti – Presidente ARCI Campania;

Modera:
Rocco Traisci – Giornalista Metropolis

Per maggiori informazioni:
Leggi la proposta di legge
 Segui l’evento su Facebook

V edizione di “Venezia a Napoli. Il Cinema Esteso”

21 ottobre 2015 08:00a25 ottobre 2015 23:00

Dal 21 al 25 ottobre 2015 si svolgerà la V edizione di Venezia a Napoli. Il Cinema Esteso, rassegna a cura di Parallelo 41 produzioni e AGIS Campania, in collaborazione con ARCI MOVIE, COINOR e Università Federico II di Napoli.

Tanti saranno gli incontri e i protagonisti provenienti dalla 72° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, tra cui Valerio Mastandrea e Franco Maresco.

Costo del biglietto: 3.00€
Studenti di scuole superiori o universitari: 2.00€

Con la card Venezia a Napoli alle serate al cinema Astra in omaggio la degustazione di un calice di vino Feudi San Gregorio.

Per Info: Arci Movie – Via A.C. de Meis 221 Tel. 0815967493
www.arcimovie.it 
Facebook: ArciMovie Napoli

A Napoli la Marcia delle Donne e degli Uomini Scalzi

11 settembre 2015
16:30

marcia delle donne e degli uomini scalzi napoli

Venerdì 11 settembre, appuntamento ore 16:30, P.zza del Plebiscito

Anche a Napoli associazioni, cooperative, organizzazioni sindacali,  singoli cittadini e singole cittadine aderiscono all’appello “La Marcia delle Donne e degli Uomini Scalzi,  lanciato da un gruppo di artisti, amministratori, giornalisti che propone di manifestare in tutt’Italia in solidarietà dei rifugiati e per la costruzione di un’Europa attenta non solo ai mercati ma anche e soprattutto alle persone, ai loro bisogni e ai loro diritti”. Un ‘Europa capace di accogliere e di fare della solidarietà uno degli elementi fondanti della propria identità.

Con la Marcia, che partirà da Piazza Plebiscito alle ore 17.00 di venerdì 11 settembre, si vuole dare voce e rendere visibile la Napoli civile e democratica, quella che in questi anni, a livello istituzionale come nell’ambito della società civile ha saputo accogliere profughi e migranti.

Inoltre, con la marcia si vogliono promuovere e rilanciare i quattro punti della piattaforma nazionale:

1. certezza di corridoi umanitari sicuri per vittime di guerre, catastrofi e dittature
2. accoglienza degna e rispettosa per tutti
3. chiusura e smantellamento di tutti i luoghi di concentrazione e detenzione dei migranti
4. Creare un vero sistema unico di asilo in Europa superando il regolamento di Dublino

L’appuntamento è dunque per le ore 17, di venerdì 11 settembre,  a Piazza Plebiscito per marciare  insieme e scalzi fino a Castel dell’Ovo dove insieme lanceremo dei fiori in mare per tutte le donne e gli uomini che in questi anni sono morti nel tentativo di fuggire da guerre, fame e discriminazioni. Segui l’evento anche su Facebook!

Sul territorio campano, la Marcia:
Avellino ore 17, Corso Vittorio Emanuele;
Eboli, 20 settembre, 11:30
Salerno, ore 9:30, p.zza Portanova

Promuovono l’iniziativa

Elenco adesioni napoletane

Marcia delle donne e degli uomini scalzi – Napoli venerdì 11 settembre

Massimo Angrisano, Francesco Barra, Pasquale Calemme, Clara Capraro, Paola Clarizia, Erica Ciccarelli, Anna Cigliano, Francesca Coleti, Giovanna Corleto, Anna Cristofaro, Domenico Ciruzzi , Antonio D’Amore, Sergio D’angelo, Gaetano Daniele, Vittorio De Asmundis, Mariano Di Palma , Francesco Diuzzi, Maria Ferla , Elena de Filippo, Luigi de Magistris, Giuseppe della Gatta, Fabio Giuliano, Salvatore Esposito, Emilio Gatti , Roberta Gaeta, Marianna Giordano, Mariapaola Ghezzi, Alfredo Guardiano,Pasquale Iorio, Giovanni Laino, Federeico Libertino, Lina Lucci, Corrado Maffia , Giovanni Mantovano, Luigi Mansi, Silvio Marro, Gennaro Matino, Cristiana Morbelli, Andrea Morniroli, Emilio Morniroli, Vittoria Musella, Salvatore Napoli , Domenico Nespolino, Giulio Nocerino, Gianvincenzo Nicodemo, Pasquale Orlando, Lella Palladino, Annamaria Palmieri, Enrico Panini, Serena Paolino, Rosetta Papa, Mattia Papa, Aldo Policastro, Maria Luisa Proto Pisani, Anna Rea, Loredana Rossi, Roberto Riverso, Rosa Rubino, Daniele Romano, Consilia Salvio, Serena Salzano, Gennaro Sanges, Antonello Sannino, Maria Speranza Perna e famiglia, Patrizia Stasi, Rosario Stornaiuolo, Salvatore Strozza, Claudia Tatangelo, Franco Tavella, Maria Teresa Terreri, Adelcinzia Tina, Paolo Valerio, Andrea Vastano, Osvaldo Vestosi, Angelica Viola, Alex Zanotelli

Organizzazioni
Acli, AICS Napoli, Amministrazione Comunale di Napoli, Amnesty Iternational, A.N.P.I, Arci, Associazione Quartieri Spagnoli,  Associazione Transessuali Napoli, Associazione Astrea, Cgil Campania, Cgil Napoli, Cidis Onlus, Circolo Arcigay Antinoo di Napoli, Circolo S. Pertini ANPI, Cisl Campania, Cnca Campania, Comunità cristiana di base del Cassano di Napoli, Confcooperative Campania, Consorzio di cooperative sociali GESCO, Cooperativa “E’pappeci”, Cooperativa sociale Dedalus, Cooperativa sociale “E.V.A.”, Cooperativa sociale  “L’orsa maggiore”,  Coordinamento Campania Rainbow, Federconsumatori Campania, Coordinamento Genitori democratici Napoli, Emergensy Napoli, Filef Campania, FishFederhand, Fondazione Genere Identità e Cultura, Forum Antirazzista della Campania, ForumTerzo Settore Caserta, Less impresa sociale Onlus, Labsus, Legambiente Campania, Libera Campani e Napoli, Napoli e provincia, LTM Napoli, Mani Tese Napoli, Mediterraneo Sociale Scarl consortile, Movimento “Sono come te, accogliemi”, Pace-Disarmo e smilitarizzazione Napoli, Rete della conoscenza, Save the Children Napoli, Scuola di pace, Tavolo di Cittadinanza, coordinato dal servizio cooperazione decentrata, legalità e pace del Comune di Napoli, Uil Campania e Napoli,

II edizione di Sun|Tramonti

29 luglio 2015
20:00
30 luglio 2015
20:00

sun tramonti arci doxa

Il 29 e 30 luglio, il Circolo Arci “Doxa” di Guardia Sanframondi (Benevento) organizza la II edizione di “Sun|Tramonti”. L’evento si terrà nell’affascinante location dei giardini panoramici del castello medievale di Guardia Sanframondi.

Nella giornata di mercoledì 29 si inizia, dalle ore 20, con un aperitivo sonoro con vista sul tramonto (il sole tramonterà alle ore 20:26). Successivamente, dalle 22 in poi, suoneranno i Valderrama 5. Infine chiuderà la serata, il dj set targato Acque Dact.

Giovedì 30 luglio si inizia sempre, dalle ore 20, con l’aperitivo sonoro con vista sul tramonto. Dalle 22, dj set a cura di Southfisix e, a seguire, dalla Sardegna il cantautore IOSONOUNCANE.

Nato nel 2011, il Circolo Arci “Doxa” organizza numerose iniziative di natura artistico-culturale e sociale (leggi il Curriculum Sociale). Inoltre promuove da ben 3 anni il minifestival invernale Doxapalooza

Aperitivo multiculturale e festa fine Ramadan a Succivo

23 luglio 2015

arci succivo spaccio culturale

Giovedì 23 luglio 2015, ore 18:30, presso la “Casa delle Arti” di Succivo (Caserta), l’associazione Arci Spaccio Culturale organizza una festa di fine Ramadan in cui avverrà anche la consegna degli attestati di lingua italiana agli utenti del corso di alfabetizzazione.

L’evento non è privato ma è invitata tutta la cittadinanza a partecipare a questo momento conviviale. Dopo la consegna degli attestati, ci sarà l’esibizione musicale del collettivo “Musicisti dello SPRAR di Succivo” con musiche tradizionali africane.

Dal 2000, il circolo ARCI “Spaccio Culturale” propone, nel piccolo centro di Succivo, numerose iniziative culturali: dai corsi di alfabetizzazione per i migranti alla musica con la promozione degli artisti indipendenti attraverso il famoso Atellana Festival.

Intercettazioni Festival vol.4

31 luglio 2015
1 agosto 2015

intercettazioni festival arci bandiera bianca

Il 31 luglio e il 1 agosto in piazza San Vito a Contursi Terme ritorna Intercettazioni, il festival artistico-musicale organizzato dal circolo Arci Bandiera Bianca giunto, quest’anno, alla quarta edizione.

Il festival è nato con l’intento di “intercettare” in un paese di provincia il meglio che gli passa accanto e, quest’anno, racconterà la provincia stessa ospitando i progetti musicali che raccontano il vivere lontano dai grandi centri, ma non restando in periferia.

Il 31 luglio alle 19 e 30, Intercettazioni vol. 4 inizierà con Ritmi di festa, la performance dell’antropologo Paolo Apolito, professore dell’Università Roma Tre: un viaggio fra storie e corpi, fra festeggiamenti e suggestioni tratte dalla letteratura e dall’etnografia che compongono la comunità ritmica, il nucleo della vita sociale tra impulsi, legami, mimesi, sentimenti e performer. Seguirà il concerto di Non Giovanni, cantautore tarantino che presenterà il suo ultimo lavoro discografico “Ho deciso di restare in Italia”, un poetico manifesto politico del tornare al Sud, del dividersi tra ansie e amore, raccontato attraverso i fatti di cronaca e l’analisi sociale dello scegliere di vivere i luoghi di origine. Chiuderanno la prima sera del festival i Grammophone, progetto musicale degli ebolitani Felice Calenda, Cristian Peduto, Nicola Bonelli, Gianni Anzillotta e Antonio Concilio. Le sonorità nordiche di “Multiverso”, il loro ultimo album, saranno addolcite in un set appositamente arrangiato per Intercettazioni, la rabbia e la forza avranno una veste nuova, frutto della maturità artistica dei Grammophone che continueranno a esibirsi per tutta l’estate in importanti festival italiani.

Il 1 agosto, invece, inizierà a incantare piazza San Vito, sempre alle 19 e 30, Stefano Vergani, cantautore brianzolo, che ritornerà a Contursi con la sua orchestra. Con “Applausi a prescindere” ha partecipato all’ultima edizione di Musicultura, facendosi apprezzare per le sonorità e per i testi delle sue canzoni che raccontano moti e sentimenti del vivere in provincia in maniera mai scontata, aggiungendo nuova linfa alla tradizione cantautorale italiana ai cui grandi esponenti (Paolo Conte, Giorgio Gaber, Enzo Jannacci) spesso è accostato. A seguire Emanuele Colandrea che riporterà, “ritrattate”, le canzoni degli Eva Mon Amour di cui è stato il leader. Pilastri del panorama indipendente italiano in versione acustica, le canzoni di Colandrea raccontano della vita quotidiana che si trova di fronte alle cose eccezionali, parole e immagini semplici per descrivere le grandi questioni dell’animo umano, soprattutto l’amore. Colandrea si alternerà sul palco con Galoni, una delle rivelazioni del panorama cantautorale dell’ultimo anno, con cui, oltre a condividere le origini laziali, condivide anche la produzione artistica. “Troppo bassi per i podi” è la raccolta di storie, tra realismo e surrealismo, vissute in provincia, rivoluzioni e rese che fuori la città hanno un senso diverso, cariche di pathos e instabilità. Concluderanno la quarta edizione di Intercettazioni I Camillas, duo pesarese che con il loro concerto coinvolgeranno il pubblico in un viaggio stralunato e ironico tra canzoni nonsense e performance musicali e teatrali. I Camillas, rivelazione dell’ultima edizione di Italia’s Got Talent, si sono fatti conoscere al grande pubblico televisivo, ma conservano l’originalità che li ha portati a scrivere e comporre alcuni fra i brani più conosciuto del panorama indie.

L’arte che investirà la piazza, sarà presente entrambe le sere anche nel vicolo vicino dove sarà ospitata una mostra collettiva che permetterà al grande pubblico di conoscere i lavori degli artisti del territorio e le loro produzioni sperimentali. “Arti meccaniche”, il titolo dell’esposizione, accoglierà i lavori di Michele Amoruso, Luca Califano, Arturo Ianniello, Vincenzo Pisapia e Ilaria Sagaria, foto d’autore e sculture originali racconteranno gli incastri fra corpi e materia.

Per restare aggiornati e conoscere in tempo reale cosa succede nel mondo di Intercettazioni basta connettersi a www.facebook.com/Intercettazioni 

Info: associazionebandierabianca@gmail.com – Cell. 333 4544368

VI edizione “Periferia dell’Impero” Film Festival a Sessa Aurunca

24 luglio 2015
00:00a00:01
25 luglio 2015
00:30

periferia impero arci matilda sessa aurunca

Nelle serate del 24 e 25 luglio, a Sessa Aurunca nel chiostro del Castello Ducale, si terrà la VI edizione del festival-concorso per cortometraggi “Periferia dell’Impero” organizzato dal circolo Arci Matidia Sessa Aurunca (aderente all’Unione Circoli Cinematografici Arci).

Al concorso hanno partecipato 115 opere da tutto il mondo ma sono state selezionate dalla giuria solo 14. La portata dell’evento è intercontinentale e interculturale: Iran, USA, Spagna, Romania,Giappone, Francia e Italia saranno rappresentate dai loro artisti nelle due serate. Le cornici poetiche che hanno caratterizzato la maggior parte delle opere visionate sono il lavoro e le scommesse sulla dignità delle persone. Vai al sito della manifestazione!

Ecco l’ elenco delle 14 opere finaliste della sesta edizione:
“L’ impresa” di Davide Labandi (Italia)
“Rosa” di Alessio Di Cosimo (Italia)
“Have sweet dreams” di Ciprian Suhar (Romania),
“La Smorfia” di Emanuele Palamara (Italia)
“Teatro” di Ivan Ruiz Flores (Spagna),
“Ho appena fatto un sogno” di J.Navarro (Spagna)
“The good boy” di A. L. Lee (Stati Uniti)
“Tacco 12″ di Valerio Vestoso (Italia)
“La bambina” di Alì Asgari (Iran)
“Wut” di Sergi Marti Maltas (Spagna)
“Nel Silenzio” di L. Ferrante M. Ricca (Italia),
“La force de l’age” di Quintin Lecocq (Francia)
“Mokusatsu” di Nour Gharbi (Giappone)
“The fish and I” di Babak Habibifar (Iran)

Convenzione mostra “Andy Warhol… in the city” fino al 19 luglio a Napoli

8 luglio 2015 09:00a19 luglio 2015 20:00

andy warhol  napoli convenzione arci

Arci Campania ha attivato una convenzione per la mostra “Andy Warhol… in the city” visitabile a Napoli nel Chiostro di Sant’Agostino alla Zecca in Corso Umberto 1°. Fino alle ore 20 del 19 luglio, i tesserati ARCI potranno usufruire di una riduzione del 20% sul prezzo intero del biglietto.

“Andy Warhol … in the city”: 103 opere fra cui le icone dei nostri tempi immortalate in un “per sempre” Warholinianometropolitano: Mick Jagger 1979/1980; “Time” marzo 1984 – Michael Jackson; Ingrid Bergman, The Nun 1983; The Rolling Stones – Love You Live, 1977; Diana Ross – Silk Electric, 1982; Marilyn Monroe 1970/1971; Marilyn Monroe 1982; Liz Taylor 1964/1966; Campbell’s Soup Dress 1968.
Ci saranno inoltre litografie, serigrafie e offset firmate mai esposte o esposte in rarissime occasioni. Fra queste “Cats”, la particolare opera dedicata ai gatti che Warhol regalò alla madre. L’intenzione della mostra è quella di coinvolgere quanto più possibile il tessuto sociale, culturale, popolare ed economico di Napoli per creare un evento fruibile e godibile, in grado di armonizzarsi con la logistica e i servizi. Warhol la prima volta che mise piede a Napoli notò una serie di somiglianze con New York. Nelle due metropoli c’è più di un elemento in comune: la latitudine, il mare, la lettera N iniziale e il significato di New York e Neapolis che, in tutti e due i casi, sta per nuova città. “Andy Warhol in the city” ci parla di una ‘nuova città’ e vuole richiamare, al Chiostro Agostiniano, una ‘città nuova’.

mostra chiostro napoli warhol

Organizzata dalla Sun communication (www.suncommunication.it) tramite la Pubbliwork Eventi di Angelo Ciliani (www.pubbliwork.it), società fornitrice delle opere, la mostra regala a Napoli le immagini di Andy Warhol nello spirito pop che da sempre investe l’animo della città partenopea. In vista della mostra il Chiostro di Sant’Agostino alla Zecca si è rifatto il trucco e grazie ad una ristrutturazione rapida ed efficace finalmente si restituisce alla città in tutto il suo splendore, tornando a riflettere la sua anima pop. Difatti il Chiostro Agostiniano ha avuto nel tempo anche la funzione di fabbrica di idee, movimenti e ribellioni, come quella che ha attuato qualche secolo dopo Andy Warhol nell’arte. Dal Chiostro partì la ribellione all’inquisizione spagnola e fu celebrato il processo postumo a Masaniello.