Crowdfunding network ARCI: Approdi Sonori ~ Rassegna di musica inedita a Salerno

Il Circolo Arci Marea di Salerno ha lanciato una campagna Crowdfunding per dare basi solide all’unica rassegna di musica inedita della città di Salerno Approdi Sonori, organizzata e pensata dal basso. Dal 22 Febbraio al 29 Maggio, 8 date, 8 artisti.

Approdo è posto sicuro dove fermarsi, riposarsi e attendere dopo il lungo navigare. Un approdo, però, comporta anche un rischio: quello dell’attracco in un posto nuovo, ignoto, nel quale non sai cosa puoi trovare. Ma anche un luogo da esplorare e conoscere. Approdi Sonori; vuole essere questo: l’esplorazione di un mondo fatto di giovani musicisti che troppo spesso rimangono fuori dai riflettori per colpa del business musicale.

Una rassegna che è allo stesso tempo l’esperimento del circolo Arci Marea , di LUMA Studio e Associazione DaltroCanto per promuovere la musica inedita a Salerno. Questa è allo stesso tempo anche una scommessa. Un tentativo di stimolare le persone a conoscere nuove sonorità, nuove musiche, sperando di poter proporre qualcosa che appassioni e apra nuove mentalità, insomma, un nuovo approdo da esplorare. Un mondo che fino ad ora non ha avuto spazio nella nostra città.

GLI ARTISTI

Sabato / 22 Febbraio
Giorgia del Mese

Sabato / 7 Marzo
Francesco Lettieri

Sabato / 21 Marzo
KU

Venerdì / 3 Aprile
JetLag Project (Tonico70)

Venerdì / 17 Aprile
Francesco Bellucci

Sabato / 2 Maggio
Hartmann

Venerdì / 15 Maggio
Francesca Incudine

Venerdì / 29 Maggio
Chiara Effe

Contribuisci anche tu su PRODUZIONI DAL BASSO

 

Soci ARCI: Programmazione dall’11 al 16 febbraio al Teatro Bellini di Napoli

Convenzione Statione 2019/2020 Teatro Bellini di Napoli

Presentando badge, tessera di appartenenza e/o credenziale debitamente firmata, i tesserati Arci avranno diritto a usufruire delle riduzioni, se previste, sui prezzi dei singoli biglietti e delle formule di abbonamento degli spettacoli compresi nel cartellone della stagione 2019/2020.

Qui maggiori informazioni

Programmazione dall’11 al 16 febbraio

di Andrew Bovell
traduzione Margherita Mauro
un progetto di lacasadiargilla

When the Rain Stops Falling, vincitore di 3 Premi UBU Premio 2019 per la “Migliore regia” per “Miglior nuovo testo straniero o scrittura drammaturgica (messo in scena da compagnie o artisti italiani) e per i migliori costumi, è la storia delle famiglie Law e York, di quattro generazioni di padri e figli, madri e mogli. Un racconto epico e al tempo stesso distopico che ci parla di matrimoni spezzati e morti accidentali, di verità taciute e di destini che si incrociano facendoci viaggiare dal 2039 al 1959. L’australiano Andrew Bovell costruisce una storia intima dall’affascinante e complessa struttura drammaturgica: i diversi fili narrativi, il graduale sovrapporsi delle temporalità e i destini delle quattro generazioni che si incrociano, ci raccontano una corrispondenza così profonda tra le esperienze di ognuno dei personaggi da suggerire che negli alberi genealogici non vi siano ‘scritti’ solo i nomi dei protagonisti, ma anche i loro comportamenti, le inclinazioni, i desideri e gli errori. Lisa Ferlazzo Natoli dirige nove straordinari interpreti in un vero e proprio viaggio nel tempo dall’architettura narrativa nitida: è senza flashback che i personaggi, da vecchi e da giovani, entrano ed escono da un quadro all’altro, da un paesaggio all’altro, con un ritmo così incalzante che anche lo spettatore si ritrova a viaggiare nel tempo guidato dal ripetersi di alcune azioni, dal riproporsi di alcune battute o elementi narrativi. È sul tempo stesso che ci si interroga, ‘piegandolo’ in avanti, per lasciare entrare il futuro e i suoi fantasmi, o, con improvvise ‘interferenze’, aprire il presente a squarci di passato.

 

di Rino Marino

In una Sicilia d’altri tempi, in una sala da barba dimenticata, due individui ai margini dell’umanità corrente si incontrano e scontrano tra reciproco rifiuto e disperata urgenza di comunicazione. Un vagabondo che trascorre sentieri interminabili, lontano da ogni alito di vita, senza tempo né meta, a cavallo di una carcassa di bicicletta, per scacciare i fantasmi del passato. Un barbiere ridotto alla rovina e stigmatizzato dal mondo degli uomini.
Una recitazione che restituisce la parola nella sua crudezza,  in un’alternanza di ritmi serrati e dilatazioni temporali, fedele a una partitura linguistico-fonetica, tesa all’esaltazione della straordinaria musicalità del dialetto siciliano.Ferrovecchio – Menzione speciale della critica e Premio giuria popolare CTE Premio Dante Cappelletti alle arti sceniche, settima edizione è il primo dei testi rappresentati dalla Compagnia Marino-Ferracane, compreso nella Tetralogia del dissenno, antologia di testi di Rino Marino, pubblicata da Editoria e Spettacolo.

 

“Un viaggio dal Sud al Nord” – Evento a Napoli su regionalismo differenziato

A Napoli, martedì 21 gennaio 2020, ore 16,00, presso Domus Ars Via Santa Chiara 10, si terrà l’incontro “Un viaggio dal Sud al Nord” per la Costituzione, i diritti, l’uguaglianza, contro il regionalismo differenziato.

Le pretese autonomistiche differenziate, fondate sulla maggiore capacità fiscale, sono inaccettabili alla luce della nostra Costituzione, che riconosce al cittadino, e non ai territori, la titolarità dei diritti fondamentali. Disegnare condizioni privilegiate per singole aree regionali accrescerebbe obiettivamente le disuguaglianze già in atto, e sottrarrebbe lo stato centrale alla responsabilità di attuare politiche pubbliche di riequilibrio territoriale, di contrasto alla divaricazione crescente dei redditi e di tutela di eguali diritti.

Ipotizzare un’organizzazione del welfare favorendo questa o quella regione equivale, di fatto, a dissolvere i vincoli che tengono unito il paese, minacciando l’unità nazionale. Ne è pensabile sottrarre, in nome di una presunta specialità, alcune regioni a disposizioni nazionali che fissano norme di tutela che devono valere per tutti i cittadini a prescindere dal luogo di residenza.

Date queste premesse, il Coordinamento per la Democrazia Costituzionale, Osservatorio del Sud, CGIL, ARCI promuovono una vasta azione di mobilitazione popolare. “Un viaggio dal Sud al Nord” che incontri tramite un percorso itinerante le popolazioni locali, da Napoli a Milano, attraversando lo Stivale, per la Costituzione, i diritti, l’uguaglianza, contro il regionalismo differenziato

INTRODUCE Massimo Villone (Presidente Coordinamento per la Democrazia Costituzionale)

INTERVENGONO Piero Bevilacqua (Osservatorio del Sud), Adriano Giannola (economista), Giovanni Russo Spena (giurista), Vincenzo Calò (Responsabile ANPI Mezzogiorno), Antonello Sannino (Segretario ARCI Napoli)

CONCLUDE Rossana Dettori (Segretaria Nazionale CGIL)

COORDINA Massimo Angrisano (CDC Napoli)

PARTECIPANO Marco Esposito, Giuliano Laccetti, Eugenio Mazzarella, Gianfranco Nappi

In Campania la rassegna itinerante “Il Cinema che non si vede”

“Il cinema che non si vede” è una rassegna cinematografica itinerante promossa da UCCA (Unione Circoli Cinematografici Arci) con il contributo della Regione Campania L.R. 30/2016, con lo scopo di valorizzare e diffondere lungometraggi, cortometraggi e documentari premiati in alcuni dei principali festival internazionali, ma che trovano poco spazio nel sistema distributivo italiano.

Le proiezioni e le attività si svolgeranno nei circoli e nelle sale cinematografiche di Avellino, Benevento, Salerno e Guardia Sanframondi dal 9 al 30 dicembre in collaborazione con le associazioni Kinetta, Doxa, Avionica, Marea, Zia Lidia Social Club, Doppio Sogno, Lies e con il Working Title Film Festival di Vicenza, media partner sarà la rivista digitale Point Blank.

Scopo della rassegna è valorizzare e diffondere lungometraggi, cortometraggi e documentari premiati in alcuni dei principali festival internazionali, ma che trovano poco spazio nel sistema distributivo italiano.

Per maggiori informazioni:

– Pagina FB: “Il cinema che non si vede

Ci ha lasciati Mamadou Sy

Ieri, 4 novembre, ci ha lasciati Mamadou Sy, Presidente dell’Associazione Senegalesi di Caserta dopo una lunga e feroce malattia.

Attraverso le parole di Nero e non solo e dell’Arci Caserta, esprimiamo tutta la vicinanza dell’Arci Campania alla comunità senegalese, ai familiari e agli amici di Mamadou.
Mamadou “lascia tutta la comunità casertana orfana di un ponte tra culture, di un raro esempio di giustizia e umanità.”

“Stai per tornare nella tua casa in Senegal. Ma casa tua è anche qui e mancherai tanto a noi, alla comunità senegalese e a questa città che oggi ha perso una persona importante e piena di vita.”

FREEPRIDE #PrimalePersone – 26 ottobre Lungomare di Napoli

Ecco il programma completo del FreePride. Vi aspettiamo sabato 26 ottobre sul lungomare di Napoli per partecipare insieme agli ospiti all’evento e per riaffermare i diritti fondamentali della persona contenuti nella nostra Costituzione.

#PRIMAlePERSONE nasce da un moto spontaneo, che ha trovato la sua voce nell’assemblea del 7 aprile (anch’essa ospitata dalla multisala di via Cisterna dell’Olio), in numerose iniziative online, incontri dal vivo e nella marcia del 4 maggio scorso.

A promuovere l’iniziativa #PRIMAlePERSONE singoli cittadini, reti e gruppi, associazioni e organizzazioni, riuniti intorno ai principi dell’articolo 3 della Costituzione.
In oltre duemila, hanno sottoscritto e diffuso l’appello presentato durante la grande assemblea del 7 aprile e ribadito come a Napoli come a Milano, al Sud come al Nord, in Italia e in Europa, la necessità sia quella di realizzare il dettato costituzionale e quanto sancito dall’art.3 della Costituzione.

FREEPRIDE #PrimalePersone – calendario flash mob

#primalepersone diventa occasione d’incontro, dialogo e scambio in una piazza aperta.
Dopo la grande manifestazione di maggio, saremo di nuovo insieme sul lungomare di NAPOLI (all’altezza del Castel dell’Ovo) per riaffermare i diritti fondamentali della persona contenuti nella nostra Costituzione.
Testimonianze, musica, dialoghi, riflessioni, giochi, gastronomia, laboratori e storie alla scoperta di ciò che accade oggi grazie alla Costituzione e di quello che accadrebbe se non ci fosse più.
Artisti, scienziati, musicisti, sociologi e persone comuni uniti per una società libera e solidale.

Prossimi appuntamenti in vista della manifestazione del 26 ottobre: 3 flash bob

#PRIMAlePERSONE nasce da un moto spontaneo, che ha trovato la sua voce nell’assemblea del 7 aprile (anch’essa ospitata dalla multisala di via Cisterna dell’Olio), in numerose iniziative online, incontri dal vivo e nella marcia del 4 maggio scorso.

A promuovere l’iniziativa #PRIMAlePERSONE singoli cittadini, reti e gruppi, associazioni e organizzazioni, riuniti intorno ai principi dell’articolo 3 della Costituzione.
In oltre duemila, hanno sottoscritto e diffuso l’appello presentato durante la grande assemblea del 7 aprile e ribadito come a Napoli come a Milano, al Sud come al Nord, in Italia e in Europa, la necessità sia quella di realizzare il dettato costituzionale e quanto sancito dall’art.3 della Costituzione.

Vile atto intimidatorio: Solidarietà a Giorgio Zinno

Nella notte tra l’11 e il 12 ottobre si è verificato un incendio nel parco di un condominio a San Giorgio a Cremano. Le fiamme hanno danneggiato sette mezzi, automobili e scooter. Fra i motoveicoli danneggiati c’è anche lo scooter di proprietà del sindaco di San Giorgio a Cremano, Giorgio Zinno. Apprendiamo da Avviso pubblico che “il primo cittadino nel giugno dello scorso anno aveva ricevuto una lettera farcita di insulti accompagnata da due proiettili.”.

Noi esprimiamo tutta la nostra solidarietà per questo vile atto intimidatorio e auspichiamo che le indagini possa fare chiarezza al più presto.

Alessio Curatoli, Presidente Arci Campania


Incendiato lo scooter del sindaco di San Giorgio Zinno „”Ignoti hanno incendiato il mio motorino”, scrive il sindaco Zinno. “Ai proprietari dei veicoli che hanno preso fuoco con il mio esprimo il mio dispiacere. E’ chiaro che l’incendio è doloso. Ho fiducia nella magistratura, cammino a testa alta nella città che amo. I vigliacchi che hanno compiuto questo gesto sono persone indegne della nostra comunità e devono avere ben chiaro che non faremo mai un passo indietro”. “ – articolo da napolitoday

 

Fermate la guerra – in solidarietà al popolo curdo

In molte città della Campania l’Arci ha manifestato la propria contrarietà alla guerra che la Turchia ha iniziato invadendo il territorio siriano storicamente abitato dalla popolazione curda. Domani Lunedi 14 ottobre ore 17.00 anche a Caserta ci sarà un Presidio, davanti la Prefettura, in solidarietà al popolo curdo.

Cgil Cisl Uil di Caserta con Anpi, Arci, Nero e Non Solo, Millepiani, Comitato per Villa Giaquinto, Unione degli Studenti Caserta, Sinistra Italiana Caserta, Libera Caserta, Associazione Melagrana, Comitato Don Peppe Diana e altre realtà sociali del territorio hanno aderito all’appello locale.

A livello nazionale Arci, Anpi, CGIL e Legambiente inviano un appello ai vertici istituzionali italiani ed europei, dal presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte, al Ministro Di Maio, ai presidenti delle Camere, Casellati e Fico, alla presidente della Commissione e del Parlamento europeo, Ursula von der Leyen e David Sassoli.

Nell’appello le associazioni e il sindacato si dichiarano “angosciati e preoccupati per quanto sta accadendo al confine tra Turchia e Siria”.

Inoltre L’Arci nazionale lancia una raccolta fondi “Dalla parte dei Curdi” a sostegno di una popolazione che sta vivendo un momento drammatico.

Non possiamo e vogliamo lasciare sola una popolazione aggredita e invasa unilateralmente: vogliamo pensare ai bambini e alle donne, ai civili che, come accade spesso, sono le prime vittime nei conflitti”.

Lo dichiara Francesca Chiavacci, presidente nazionale dell’Arci, che ha promosso la raccolta fondi sulla piattaforma di crowdfunding produzionidalbasso.com, in collaborazione con l’Ufficio del Kurdistan in Italia.

“In attesa che le istituzioni e la diplomazia –  prosegue – agiscano nei confronti della Turchia, la società civile non può stare ferma.

La mobilitazione nelle piazze è necessaria, anche per creare un’opinione a sostegno ma servono fatti concreti a una popolazione che conta già oltre diverse migliaia di sfollati. Gli aiuti serviranno per l’allestimento di campi profughi e ospedali da campo.

L’obiettivo di tutti – conclude – deve essere fermare questa nuova guerra”.

Rinnovata la convenzione con il Teatro Bellini di Napoli: sconti per tutti i soci Arci!

Il Teatro Bellini rinnova le condizioni agevolate a tutti i soci Arci 2019/2020. Presentando badge, tessera di appartenenza e/o credenziale debitamente firmata, i tesserati Arci avranno diritto a usufruire delle riduzioni, se previste, sui prezzi dei singoli biglietti e delle formule di abbonamento degli spettacoli compresi nel cartellone della stagione 2019/2020.

Il costo agevolato è quello definito dal prezzario come “ridotto”.
La riduzione per l’acquisto dei singoli biglietti è applicabile dal mercoledì sera al venerdì sera. Sono esclusi i giorni festivi. La riduzione, sempre se prevista, verrà applicata anche sui singoli biglietti per i gruppi di minimo 15 persone, con prenotazione e pagamento anticipato, per informazioni scrivere a promozione@teatrobellini.it.

Le riduzioni non si applicano ad alcuni “eventi speciali”.

Per tutte le informazioni sui prezzi, sulle riduzioni previste e sugli spettacoli visitare il
sito www.teatrobellini.it