“Un viaggio dal Sud al Nord” – Evento a Napoli su regionalismo differenziato

A Napoli, martedì 21 gennaio 2020, ore 16,00, presso Domus Ars Via Santa Chiara 10, si terrà l’incontro “Un viaggio dal Sud al Nord” per la Costituzione, i diritti, l’uguaglianza, contro il regionalismo differenziato.

Le pretese autonomistiche differenziate, fondate sulla maggiore capacità fiscale, sono inaccettabili alla luce della nostra Costituzione, che riconosce al cittadino, e non ai territori, la titolarità dei diritti fondamentali. Disegnare condizioni privilegiate per singole aree regionali accrescerebbe obiettivamente le disuguaglianze già in atto, e sottrarrebbe lo stato centrale alla responsabilità di attuare politiche pubbliche di riequilibrio territoriale, di contrasto alla divaricazione crescente dei redditi e di tutela di eguali diritti.

Ipotizzare un’organizzazione del welfare favorendo questa o quella regione equivale, di fatto, a dissolvere i vincoli che tengono unito il paese, minacciando l’unità nazionale. Ne è pensabile sottrarre, in nome di una presunta specialità, alcune regioni a disposizioni nazionali che fissano norme di tutela che devono valere per tutti i cittadini a prescindere dal luogo di residenza.

Date queste premesse, il Coordinamento per la Democrazia Costituzionale, Osservatorio del Sud, CGIL, ARCI promuovono una vasta azione di mobilitazione popolare. “Un viaggio dal Sud al Nord” che incontri tramite un percorso itinerante le popolazioni locali, da Napoli a Milano, attraversando lo Stivale, per la Costituzione, i diritti, l’uguaglianza, contro il regionalismo differenziato

INTRODUCE Massimo Villone (Presidente Coordinamento per la Democrazia Costituzionale)

INTERVENGONO Piero Bevilacqua (Osservatorio del Sud), Adriano Giannola (economista), Giovanni Russo Spena (giurista), Vincenzo Calò (Responsabile ANPI Mezzogiorno), Antonello Sannino (Segretario ARCI Napoli)

CONCLUDE Rossana Dettori (Segretaria Nazionale CGIL)

COORDINA Massimo Angrisano (CDC Napoli)

PARTECIPANO Marco Esposito, Giuliano Laccetti, Eugenio Mazzarella, Gianfranco Nappi

FREEPRIDE #PrimalePersone – 26 ottobre Lungomare di Napoli

Ecco il programma completo del FreePride. Vi aspettiamo sabato 26 ottobre sul lungomare di Napoli per partecipare insieme agli ospiti all’evento e per riaffermare i diritti fondamentali della persona contenuti nella nostra Costituzione.

#PRIMAlePERSONE nasce da un moto spontaneo, che ha trovato la sua voce nell’assemblea del 7 aprile (anch’essa ospitata dalla multisala di via Cisterna dell’Olio), in numerose iniziative online, incontri dal vivo e nella marcia del 4 maggio scorso.

A promuovere l’iniziativa #PRIMAlePERSONE singoli cittadini, reti e gruppi, associazioni e organizzazioni, riuniti intorno ai principi dell’articolo 3 della Costituzione.
In oltre duemila, hanno sottoscritto e diffuso l’appello presentato durante la grande assemblea del 7 aprile e ribadito come a Napoli come a Milano, al Sud come al Nord, in Italia e in Europa, la necessità sia quella di realizzare il dettato costituzionale e quanto sancito dall’art.3 della Costituzione.

FREEPRIDE #PrimalePersone – calendario flash mob

#primalepersone diventa occasione d’incontro, dialogo e scambio in una piazza aperta.
Dopo la grande manifestazione di maggio, saremo di nuovo insieme sul lungomare di NAPOLI (all’altezza del Castel dell’Ovo) per riaffermare i diritti fondamentali della persona contenuti nella nostra Costituzione.
Testimonianze, musica, dialoghi, riflessioni, giochi, gastronomia, laboratori e storie alla scoperta di ciò che accade oggi grazie alla Costituzione e di quello che accadrebbe se non ci fosse più.
Artisti, scienziati, musicisti, sociologi e persone comuni uniti per una società libera e solidale.

Prossimi appuntamenti in vista della manifestazione del 26 ottobre: 3 flash bob

#PRIMAlePERSONE nasce da un moto spontaneo, che ha trovato la sua voce nell’assemblea del 7 aprile (anch’essa ospitata dalla multisala di via Cisterna dell’Olio), in numerose iniziative online, incontri dal vivo e nella marcia del 4 maggio scorso.

A promuovere l’iniziativa #PRIMAlePERSONE singoli cittadini, reti e gruppi, associazioni e organizzazioni, riuniti intorno ai principi dell’articolo 3 della Costituzione.
In oltre duemila, hanno sottoscritto e diffuso l’appello presentato durante la grande assemblea del 7 aprile e ribadito come a Napoli come a Milano, al Sud come al Nord, in Italia e in Europa, la necessità sia quella di realizzare il dettato costituzionale e quanto sancito dall’art.3 della Costituzione.

Sorrento Pride 2019

Arriva il 14 Settembre 2019 il Pride nella città di Sorrento, promosso dal collettivo ‘Buonvento tra le costiere’ (Amalfitana e Sorrentina) e ‘Pride-Vesuvio Rainbow’. Sorrento Pride è la manifestazione dell’orgoglio di gay, lesbiche, bisessuali, transessuali, asessuali, intersessuali e queer e celebra la libertà di espressione e di determinazione di ogni individuo. Ad aderire all’iniziativa l’Arci Napoli e l’Arci Mediterraneo.

Coming out of the closet, uscire fuori dall’armadio, è l’espressione con cui la comunità LGBT+ (gay, lesbiche, bisessuali, transessuali e transgender, intersessuali, asessuali, queer…) ha identificato la sua politica di visibilità: dichiararsi è diventato un gesto politico di emancipazione e di liberazione. Il Pride è stato lo strumento cardine di protesta e di lotta, un coming-out collettivo che ha permesso ai singoli di non sentirsi soli, di esprimere in modo libero la propria identità e i propri amori, di rivendicare diritti, di ribellarsi a una società oppressiva e omologante.

Cinquant’anni fa un gruppo di gay, lesbiche e trans uscirono dai loro armadi per prendere le strade di New York contro le retate della polizia, dando vita al primo movimento di liberazione sessuale e di protesta, che la storia ricorda come i moti di Stonewall. Venticinque anni fa a Roma fu la volta del primo GayPride in Italia, nella capitale ci fu, nell’anno del giubileo, il primo world pride; nel 1996 fu la volta della prima parata partenopea (“Jesce sole”), tornata poi a Napoli nel 2010 (“Alla luce del sole”); dal 2013 il movimento lgbt+ ha deciso di moltiplicare le manifestazioni con l’Onda Pride, partita proprio da Napoli: una rete di parate che hanno colorato le strade di più centri urbani, delle periferie, come a Bagnoli nel 2016 e della provincia italiana, creando connessioni con altre minoranze e categorie discriminate, in un’ottica di intersezionalità; l’anno scorso è stato il turno di Pompei, che con l’inno “la Madonna di Pompei vuole bene pure ai gay“ ha raggiunto un territorio a noi limitrofo, grazie al consolidamento dell’associazione Pride – Vesuvio Rainbow.

Le principali richieste dell’iniziativa sono:
– Approvazione della legge regionale contro l’omotransbifobia;
– Adesione alla rete READY di tutti I comuni della penisola sorrentina;
– Riconoscimento della omogenitorialità e interventi nelle scuole contro il bullismo omotransbifobico;
– Politiche per facilitare l’accesso al mondo del lavoro delle persone LGBT, in particolare delle persone transgender;
– Sviluppo di un turismo sostenibile e aperto alle differenze in penisola sorrentina, in particolare rispetto alle persone LGBT+.

Maggiori informazioni al sito ufficiale dell’iniziativa.

#MagnateOLimone (“Mangiati il limone”) è lo slogan del #SorrentoPride che ci sarà il prossimo 14 settembre; è un’espressione napoletana ironica, utilizzata per dire a qualcuno di accettare la realtà, anche se appare scomoda. Guarda la campagna comunicativa

 

Salvare vite non è reato. Presidio a Napoli

Siamo con Carola Rackete e con l’equipaggio della Sea-Watch3 senza se e senza ma.

«Prendete me! Se muoio per altri cento, rinasco altre cento volte»
Non era una sbruffoncella, viziata, tedesca e per giunta donna!
Era un uomo in divisa, un italiano, era Salvo D’Acquisto.

«Ogni individuo ha diritto alla vita, alla libertà e alla sicurezza della propria persona»
art.3 Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

É compito di ognuno di noi fare in modo che ciò accada, a qualunque costo. Ed è per questo che saremo in piazza per chiedere Giustizia e per difendere il diritto e il dovere di Accogliere.

Vediamoci tutte e tutti martedì 2 luglio alle 18,00 a Largo Berlinguer a Napoli per testimoniare il nostro impegno contro ogni violenza e sopruso, per la libertà degli esseri umani che soffrono e si battono per la Giustizia.

#FreeCarola

Per adesioni:
legambiente@legambiente.campania.it
campania@libera.it

HANNO ADERITO:

Legambiente Campania
Libera Campania
UnPopoloinCammino
CGIL Campania
Camera del lavoro di Napoli
UIL Campania
Arci Campania
Federconsumatori Campania
Let’s do it Italy
Sandro Ruotolo
ACLI CAMPANIA
Mani Tese Campania
Apeiron cooperativa sociale
Less Onlus
Auser Campania
Zerowaste Rifiuti Zero Campania
GreenItalia Campania
Gente Green
Ubuntu – Nuove Generazioni Italiane
Consorzio Sale della Terra Benevento
GD Napoli
CSV Napoli
Arciragazzi Campania
Federsolidarietà Campania
Forum del terzo settore Campania
Terra di Confine
Bipiani liberi dell’amianto
Napoli Zeta – Zona Est Tavolo Aperto
Associazione Renato Caccioppoli
Arci Movie Napoli
La Melagrana ONLUS
Napolidaorainpoi Na≥Dop
Unione degli Universitari Napoli
Slow Food Campania
Cdlm di Napoli
COBAS SCUOLA NAPOLI

#primalepersone: A Napoli, sabato 4 maggio, la marcia contro le diseguaglianze

Una grande mobilitazione, anche a Napoli, contro il clima di paura e risentimento che attraversa il Paese. Si terrà, il 4 maggio, la marcia#PRIMAlePERSONE.

L’ appuntamento di Napoli, segue le iniziative milanese e triestina dei mesi di marzo (2 marzo a Milano) e aprile (13 aprile a Trieste).

Stamattina, al Multicinema Modernissimo di Napoli, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa con la partecipazione degli organizzatori e le realtà che hanno aderito all’ appello (è possibile vedere tutti gli interventi al link https://www.facebook.com/people.napoli/videos/313855315952241/)

#PRIMAlePERSONE Nata da un moto spontaneo, che ha trovato la sua voce nell’assemblea del 7 aprile (anch’essa ospitata dalla multisala di via Cisterna dell’Olio), #PRIMAlePERSONE sarà una grande manifestazione popolare partecipata e colorata, pacifica e decisa a determinare un cambio di rotta nel Paese e affermare la necessità che siano individuate e attuate nuove policy, fondate sull’accoglienza, il rispetto dei diritti umani e delle pari opportunità, il dialogo.

La marcia partirà alle ore 10.30 da piazza Mancini (lato statua Garibaldi).

Sarà il gruppo di percussionisti Bateria Pegaonda ad aprire il corteo. La musica dei ritmisti legati all’associazione Sambanapoli accompagnerà la manifestazione passando per Corso Umberto, via Monteoliveto, Calata Trinità Maggiore, fino a piazza del Gesù Nuovo dove si concluderà con una grande festa.

A promuovere l’iniziativa #PRIMAlePERSONE singoli cittadini, reti e gruppi, associazioni e organizzazioni, riuniti intorno ai principi dell’articolo 3 della Costituzione.
In oltre duemila, hanno sottoscritto e diffuso l’appello presentato durante la grande assemblea del 7 aprile e ribadito come a Napoli come a Milano, al Sud come al Nord, in Italia e in Europa, la necessità sia quella di realizzare il dettato costituzionale e quanto sancito dall’art.3 della Costituzione. “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. Le differenze legate al genere, all’etnia, alla condizione sociale, alla religione, all’orientamento sessuale, alla nazione di provenienza sono una ricchezza da valorizzare e non un motivo per discriminare e negare soggettività. L’Italia e l’Europa -sostiene l’appello- hanno bisogno di meno disuguaglianze e più coesione sociale, di incontro tra le differenze, di difesa dei diritti delle persone, oltre i muri e le chiusure”.

Quella di #PRIMAlePERSONE è una chiamata alla mobilitazione permanente “contro la deriva culturale, sociale ed etica che usa paura e risentimento per minacciare i principi fondanti della nostra Repubblica e che ripropone istanze fasciste, razziste, sessiste e omofobe” nella certezza che “è venuto il tempo di riempire, tutti insieme, le strade di Napoli”.

La mobilitazione sul web: A sostegno della marcia, è stata ideata e diffusa la campagna social “Io ci metto la faccia”, lanciata attraverso la pagina Facebook “Prima le persone” (https://www.facebook.com/people.napoli/ ). Numerosissime le adesione sui social;  innumerevoli  le foto postate anche sulla pagina evento #PRIMAlePERSONE – Marcia Napoli (https://www.facebook.com/events/425376774890683/). Gli hashtag da utilizzare per partecipare alla campagna, che continuerà fino al termine della manifestazione, sono: #iocisaro e #primalepersone.

Il sostegno del mondo dell’arte Hanno aderito alla campagna “Io ci metto la faccia”i vignettisti e illustratori Anarkikka e Riccardo Marassi che hanno dedicato una vignetta alla marcia; il duo Ebbanesis e i Sisma, ciascuno con un videomessaggio a sostegno dell’iniziativa; il visual artist Fabio Barisani in collaborazione con il compositore Luca Spagnoletti con l’opera Golem (2010); i composer Emanuele Errante e Plastic Penguinche hanno dedicato i brani “Beauty”, tratto dall’ultimo album di Errante “The evanescence of a Thousand Colors”, e “Future is calling”.

La maglia Sono azzurro e bianco i colori scelti per la maglia ufficiale della marcia #PRIMAlePERSONE: è il colore del cielo a fare da sfondo alle lettere che riportano parte del testo dell’articolo 3 della Costituzione. È possibile ritirare la T-shirt, presso il Multicinema Modernissimo o la libreria Dante&Descartes in piazza del Gesù. Chi vuole può contribuire alle spese organizzative anche inviando una donazione, attraverso un bonifico intestato a: Centro Arte della Felicità – Iban: IT49N0623003417000056765079 – Causale: contribuzione 4 maggio.

I numeri delle adesioni: Circa 1500 adesioni da parte di singoli; oltre 170 organizzazioni e soggetti collettivi hanno sottoscritto l’appello. Conta più di 2mila contatti la pagina Facebook dedicata alla marcia per una portata che supera le 30mila visualizzazioni. Sono tanti anche gli artisti che hanno voluto sostenere l’evento del 4 maggio.

Le realtà che hanno aderito: Singoli cittadini, reti, gruppi, associazioni, partiti politici, Ong, cooperative e organizzazioni sindacali regionali e provinciali ma anche nazionali. Di seguito un elenco dei soggetti aderenti. In allegato quello dei singoli firmatari insieme al testo dell’appello.

———————————————————————————————————————————-

A.D.A. Assistenza Domiciliare Anziani; A.P.S. Coordinamento Genitori Democratici NapoliACLI della Campania, Avellino, Caserta, Napoli; ActionAid ItaliaAGESCI Caserta; Ambiente Solidale Cooperativa Sociale Onlus; Amigay OnlusANPI Napoli e Caserta, ARCI Nazionale e Regionale, Circolo Arci Querencia dell’AquilaArcigay Antinoo NapoliArticolo Uno NapoliArticolo 21; ASD Pochos NapoliAssociazione 3 Febbraio; Associazione Avvocati di Strada Onlus; Associazione “chi rom e…chi no”; Associazione Culturale Merqurio; Associazione di Promozione Sociale Diparipasso di Angri; Associazione di Promozione Sociale Vita attiva; Associazione di Volontariato Priscilla; Associazione Dream Team Scampia; Associazione e-Labor@zione; Associazione Eleonora Pimentel; Associazione Figli di Barabba; Associazione IF-ImparareFare; Associazione IL PIOPPO; Associazione Jonathan di Napoli; Associazione L’Arte della Felicità; Associazione Le Kassandre; Associazione Marco Mascagna; Associazione Napoli non finisce a Piazza Municipio; Associazione Pianoterra Onlus; Associazione Ponti Sospesi    Persone Omosessuali Cristiane; Associazione Quartieri Spagnoli; Associazione Rita Atria-Giancarlo Siani Onlus; Associazione Scuola di Pace;Associazione Senegalese Napoli; Associazione Sorridi Konou Africa Onlus; Associazione Sott’e’ncoppa; Associazione Terre Aperte; Associazione Thomas Sankara Napoli; Associazione Tutti a Scuola; Associazione TutticoloriBambù cooperativa socialeCaritas- Vicariato per la Carità- Diocesi di NapoliCasa Internazionale delle Donne di Roma; Centro di Promozione Culturale “Insieme”CGIL NazionaleFIOM CGIL NazionaleCGIL CampaniaFLAI CGIL CampaniaSLC CGIL Campania e NapoliCamere del Lavoro CGIL di Napoli e CasertaChiesa ValdeseCIDIS ONLUSCISMAICittà Metropolitana di NapoliCNCM coordinamento nazionale comunità per minori; Comitato Beni Comuni PorticiComitato Don Peppe DianaComuni di Napoli e RiaceComunità di Sant’EgidioComunità ebraica di NapoliComunità palestinese della CampaniaConfcooperative Campania; Coop. ELLE DI          di Luigi Bucci; Cooperativa sociale E.T.I.C.A; Confcooperative Federsolidarietà CampaniaConsorzio GESCO; Cooperativa Sociale Arte Musica & Caffè; Cooperativa Sociale E.R.A.; Cooperativa Sociale Irene’95; Coordinamento Democrazia Costituzionale NapoliCultura è libertà NapoliD.i.Re Donne in Rete contro la violenza; DedalusCooperativa Sociale; demA Democrazia Autonomia; Dialoghi del lunedìDiocesi di NapoliDonne in Nero di NapoliE.V.A. Società Cooperativa Sociale; EaSlab Laboratorio di Ricerca e Sperimentazione sull’Educazione allo Sviluppo; Ex Canapificio CasertaFederazione Antiracket AntiusuraFederconsumatoriFondazione di Comunità locale San GennaroFondazione Idis – Città della Scienza; Fondazione Valenzi ONLUSForum TarsiaFuturo ProssimoGalleria Toledo; Gruppo 4 Ottobre; Gruppo “Noi Non Siamo Complici”HAMEFIl Millepiedi società cooperativa sociale; INCA CGIL Campania e SalernoIres CampaniaKodokan Napoli OnlusL’Italia che R-ESISTE di Eboli (SA); L’Orsa Maggiore Coop. Soc; L’Orto ConvivialeLa kumpania Scampia; Le Officine dell’AcquaLegambiente Campania; LESS Cooperativa sociale; Libera CampaniaMasseria Antonio Esposito FerraioliMassimo Gorki Associazione; Medici senza frontiere – Gruppo Napoli; Medicina DemocraticaNEANigerian Community in                Campania Region Italy; ODV Associazione L’altritalia di Eboli (SA); Officine Gomitoli; ONG LTM Gruppo Laici Terzo MondoPartito Democratico della CampaniaCircolo del Partito Democratico di Napoli Centro- San FerdinandoSegretaria del Partito Democratico di AfragolaFederazione Metropolitana dei Giovani Democratici di NapoliPastorale Giovanile della Diocesi di Pozzuoli; Presidenza dell’Associazione Casa del Popolo di Ponticelli; Presidenza Federhand Fish CampaniaPsichiatria DemocraticaRadicali ItalianiRadicali per il Mezzogiorno EuropeoRete Educativa Rione SanitàRete di Cittadinanza e Comunità; Rivista telematica ParadoxRossoDemocraticoSave the Children Italia Onlus; Segreteria Regionale UIL CampaniaUILA Campania e NapoliFeneal UIL di Napoli e CampaniaUILM Campania; Associazione per la tutela dei migranti UNITI-UIL; Sez. Turismo Unione Industriali di NapoliSinistra Italiana;  Slow Food Campania; Soc. Coop. SocialeL’Uomo e il Legno; Soc. Coop. Sociale La Locomotiva OnlusStella Film; SUGC Sindacato unitario giornalisti CampaniaTerzo Settore CampaniaVicariato CaritàVocidafrique.

———————————————————————————————————————————————–

MANIFESTAZIONE #PRIMAlePERSONE

Sabato 4 maggio | ore 10,30 | piazza Mancini (lato statua Garibaldi) Napoli

———————————————————————————————————————————————–

#PRIMAlePERSONE SUI SOCIAL

FACEBOOK: PAGINA “Prima le persone”: https://www.facebook.com/people.napoli | pagina evento #PRIMAlePERSONE – Marcia Napoli: https://www.facebook.com/events/425376774890683/)

TWITTER: primalepersone

INSTAGRAM: primalepersone

OFFICIAL HASHTAG: #iocisaro | #primalepersone

Appello #primalepersone

A Napoli come a Milano, al Sud come al Nord, in Italia e in Europa Ci siamo anche noi! #PRIMAlePERSONE

La Costituzione Italiana dice che siamo tutte e tutti uguali. Vengono prima le persone.

E’ tempo di riaffermare che le differenze legate al genere, all’etnia, alla condizione sociale, alla religione, all’orientamento sessuale, alla nazione di provenienza sono una ricchezza da valorizzare e non un motivo per discriminare e negare soggettività. L’Italia e l’Europa hanno bisogno di meno disuguaglianze e più coesione sociale, di incontro tra le differenze, di difesa dei diritti delle persone, oltre i muri e le chiusure.

Chiamiamo tutte e tutti alla mobilitazione permanente contro la deriva culturale, sociale ed etica che usa paura e risentimento per minacciare come mai prima i principi fondanti della nostra Repubblica e che ripropone istanze fasciste, razziste, sessiste e omofobe. E’ tempo di riempire tutti insieme le strade di Napoli, in una grande, colorata, pacifica e determinata marcia il giorno 4 di maggio.

Per questo motivo ti invitiamo a supportare quest’iniziativa (a cui hanno aderito in pochi giorni già più di 1.000 persone!) inviando semplicemente la tua adesione insieme al tuo nome e cognome a primapersone.2019@gmail.com e a intervenire DOMENICA 7 APRILE al cinema Modernissimo (dalle 10.00 alle 13.00) per il lancio pubblico della Marcia #PRIMAlePERSONE Passiamo parola!

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e la uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”. Art.3 della Costituzione Italiana

Giovanni Alucci, Massimo Anselmo, Marcello Anselmo, Mirella Barracco, Maurizio Braucci, Renato Briganti, Adriana Buffardi, Pasquale Calemme, Gennaro Carillo, Francesco Ceci, Iain Chambers, Anna Cigliano, Domenico Ciruzzi, Francesca Coleti, Stefano Consiglio, Lidia Curti, Sergio D’Angelo, Elena de Filippo, Antonella Di Nocera, Salvatore Esposito, Diomede Falconio, Emma Ferulano, Roberto Giannì, Alfredo Guardiano, Chiara Giannino, Marianna Giordano, Gabriella Gribaudi, Francesco La Monica, Giovanni Laino, Paolo Macry, Gennaro Matino, Francesca Mauro, Cesare Moreno, Enrica Morlicchio, Andrea Morniroli, Dorothea Mueller, Renato Natale, Lea Nocera, Raffaella Palladino, Marinella Pomarici, Ulderico Pomarici, Andrea Punzo, Jamal Qaddorah, Marco Rossi-Doria, Patrizio Rispo, Isaia Sales, Antonello Sannino, Luciano Stella, Massimiliano Virgilio, Alex Zanotelli

“Liberarsi dalle paure” – Congresso regionale Arci Campania 2018

Il prossimo 19 maggio, dalle 9:30, presso l’Antisala dei baroni nel Castello del Maschio Angioino a Napoli, Arci Campania celebra il suo congresso regionale in preparazione del prossimo congresso nazionale dell’associazione.

Il tema di questo congresso “Liberarsi dalle paure”, è un invito a reagire per rispondere alle pulsioni ed alle spinte disgregative della solidarietà, della democrazia, dei valori costituzionali di libertà ed uguaglianza che da più parti spingono questo nostro paese verso un futuro incerto. Noi vogliamo invece mettere in campo idee nuove e nuove esperienze organizzate per una società più giusta e solidale, che sappia ripensarsi per offrire un futuro alle prossime generazioni mettendo al centro la pace, il benessere, la partecipazione, la cultura.

L’ Arci è un’associazione costituita da circoli, volontariato ed esperienze di impresa sociale impegnate con i migranti ed i richiedenti asilo, i ragazzi e giovani nella costruzione e animazione di spazi culturali, musicali e aggregativi, per la cultura della legalità, la tutela e la valorizzazione dei beni comuni e in tante altre battaglie di impegno civile e di promozione dell’associazionismo come soggetto di cittadinanza attiva.

L’associazione è presente in tutte le cinque provincie della Regione con i suoi Comitati Provinciali che parteciperanno al congresso attraverso i loro delegati.

Saranno presenti numerosi invitati del mondo del terzo settore, dell’associazionismo, della politica e della società campana.

Parteciperanno:

Luigi De Magistris, Sindaco di Napoli – Lucia Fortini, Assessore all’Istruzione e Politiche Sociali della Regione Campania – Francesca Chiavacci, Presidente Arci Nazionale, Maurizio Mumolo, Direttore Forum Nazionale Terzo Settore – Camillo Cantelli, Presidente Nazionale Arciragazzi – Ovidio Marzaioli, Segretario Movimento Consumatori – Salvo Lipari, Presidente Arci Sicilia – Antonello Sannino, Arcigay Campania – Fabio Giuliani, Libera Campania – Mariateresa Imparato, Legambiente Campania – Ivo Capone, UISP Campania – Filiberto Parente, Forum Terzo Settore Campania – Giuseppe Spadaro, CGIL Campania – Daniele Romano, FISH Campania – Franco Buccino, Auser Campania – Luca Sorrentino, Legacoop Sociale – Nasser Hidouri, Ass. Socio Culturale Islamica di San Marcellino – Nicola Caprio, CSV Napoli – Alfredo Senatore, Arciragazzi Campania – Pina Colosimo, AGCI Campania – Carmine Albano, Ada Campania – Alessandro Papaccio, AICS Campania – Giampaolo Gaudino, Federsolidarietà Campania – Salvatore Esposito, Mediterraneo Sociale.

Ci ha lasciati Giuseppe D’Angelo

Ci ha lasciati Giuseppe D’Angelo.

Storico militante e dirigente del PCI e PDS, consigliere circoscrizionale all’Arenella, fondatore e presidente del Circolo ARCI Rione Alto nonché consigliere regionale di Arci Campania.

Promotore di iniziative democratiche nel sociale, ha incarnato gli ideali di partecipazione, promozione ed inclusione sociale.

Ci stringiamo con un abbraccio ai suoi cari e ai soci del circolo Rione Alto.

Convegno “Squarci di futuro”: Le donne nigeriane tra sfruttamento e percorsi di emancipazione

Piazza E. De Nicola, 46 Napoli, 9.30 – 13.30

Convengo su “Le donne nigeriane tra sfruttamento e percorsi di emancipazione” per confrontarsi sulle politiche possibili e gli interventi per contrastare la tratta e lo sfruttamento delle donne, in particolare dalla Nigeria.

L’iniziativa rientra in Marzo Donna 2017 promossa dall’Assessorato Pari Opportunità del Comune di Napoli. Contemporaneamente sarà inaugurata la mostra di sculture di Sergio Cervo “Viaggio della Speranza” che sarà ospitata a Officine Gomitoli fino ad Aprile.

All’iniziativa interverrà Francesca Coleti, Presidente Arci Campania.

L’evento è organizzato dalla Cooperativa sociale Dedalus.