10° edizione di Periferia dell’impero Film Festival

“Periferia dell’impero film festival” è un concorso internazionale per cortometraggi giunto alla decima
edizione organizzato dal circolo Arci Matidia (aderente UCCA) di Sessa Aurunca con il patrocinio del
Comune di Sessa Aurunca (CE) e con il contributo della chiesa Valdese , il cui fine è quello di valorizzare l’opera cinematografica breve realizzata da autori indipendenti, amatoriali, emergenti e professionisti.

Possono partecipare al concorso opere di finzione di qualsiasi genere, realizzate da autori di qualsiasi
nazionalità, preferibilmente in lingua italiana o in caso contrario sottotitolate in italiano. Non saranno
ammesse al concorso le opere che hanno partecipato alle precedenti edizioni e di produzione antecedente l’anno 2015. Ogni autore può partecipare al concorso con una sola opera.

Al concorso potranno partecipare i corti con durata massima di 20 min. esclusi i titoli di testa e di coda, di qualsiasi genere (esclusi documentari, animazioni e videoclip musicali), a tema libero. La direzione del festival si riserva la facoltà di selezionare opere che sforano di poco il limite massimo consentito qualora vengano ritenute altamente valide.

Per partecipare al concorso occorre collegarsi al sito del festival www.periferiadellimpero.it ,prendere
visione del bando, compilare la domanda di partecipazione e versare una piccola tassa di iscrizione (5 euro), per i gli esperti del settore il tutto si può svolgere sul portale MOVIBETA. La scadenza per la presentazione dei corti è fissata per il 20 maggio 2019.

Una giuria di esperti visionerà le opere pervenute e selezionerà quelle ammesse alle serate finali.
Durante la manifestazione finale le opere selezionate saranno proiettate al pubblico e alla stampa, una
nuova giuria di esperti (anche essa resa nota sul sito dell’ associazione), assegnerà il premio alla miglior
opera e al miglior corto realizzato da un autore emergente (di età inferiore ai 30 anni oppure senza limite di età, alla prima opera prodotta. Il pubblico presente a tutte le serate sarà fornito di un modello cartaceo con l’ elenco di tutti i corti finalisti e potrà votare l’ opera ritenuta migliore, il corto che avrà ottenuto il maggior numero di voti avrà assegnato il premio del pubblico.

Premi in palio:
( i premi sono cumulativi cioè ad un corto potrebbe essere assegnato più di un premio):
1. Premio “Miglior corto edizione 2019”, euro 1000,00 (mille euro) + statuetta del festival
personalizzata .
2. “Premio autore emergente o opera prima edizione 2019”, euro 500,00 (cinquecento euro) +
statuetta del festival personalizzata.
3. “Premio del pubblico edizione 2019”, euro 500,00 (cinquecento euro) + statuetta del festival
personalizzata.
Inoltre saranno premiati con la statuetta del festival il miglior attore e la migliore attrice protagonista
dell’ edizione 2019.

Tutte le informazioni, il bando completo e la domanda di partecipazione su
www.periferiadellimpero.it

Strati della Cultura 2016

strati-della-cultura-2016-rimini-arci

“Strati della Cultura” è l’appuntamento nazionale che l’Arci organizza ogni anno per confrontare le proprie proposte sulla ‘promozione culturale’ con il mondo delle istituzioni, della politica, della cultura. L’edizione del 2016, intitolata Le voci della Luna, si svolgerà a Rimini dal 3 al 5 novembre, e sarà dedicata a Federico Fellini e Dario Fo.

L’appuntamento di quest’anno si concentrerà in particolare su due aspetti del fare cultura.
Il primo approfondirà quale sia il valore aggiunto delle azioni culturali promosse dalle associazioni, in particolare approfondendo le potenzialità della forma associativa per le sue caratteristiche intrinseche di inclusione, partecipazione, motivazione, e per la positività del concetto di “non per profitto”, in contrasto con le elaborazioni a volte eccessivamente “mercantili” dell’approccio proposto dall’Unione Europea.

Il secondo si interrogherà su cosa vuol dire fare prodotti culturali oggi e quale sia il ruolo dell’artista/autore/produttore nel contemporaneo. Come i luoghi di arte e cultura (biblioteche, musei d’arte contemporanea, teatri pubblici, etc.) possano essere volano di nuove interazioni e sedimentazioni della pratica artistica e, tramite queste,  quali collaborazioni tra comunità, territori, cittadini possano attivarsi.

L’Arci è impegnata nella promozione della cultura con reti tematiche come Arci Teatro, Arci Real, Arci Musica Live, Arci Book per la promozione della lettura, UCCA-Unione dei Circoli del Cinema dell’Arci, reti che coinvolgono oltre 2.000 circoli che organizzano prevalentemente attività culturali. La 3 giorni di Rimini sarà l’occasione per riunire e confrontare le tante buone e innovative pratiche che l’associazione promuove in tutta Italia.

Inoltre, anche in questa edizione, il confronto su pratiche e strategie coinvolgerà enti ed istituzioni, intellettuali ed esperti, con grande attenzione al ruolo delle amministrazioni locali.

L’iniziativa è realizzata con il sostegno della Regione Emilia Romagna – Assessorato alla Cultura, e in collaborazione con Ucca (Unione dei Circoli Cinematografici dell’Arci), Arci Emilia Romagna, Arci Rimini, Comune di Rimini. Con il patrocinio di ANCI – Associazione Nazionale dei Comuni Italiani.

Leggi il programma della tre giornate!

VI edizione “Periferia dell’Impero” Film Festival a Sessa Aurunca

24 Luglio 2015
00:00a00:01
25 Luglio 2015
00:30

periferia impero arci matilda sessa aurunca

Nelle serate del 24 e 25 luglio, a Sessa Aurunca nel chiostro del Castello Ducale, si terrà la VI edizione del festival-concorso per cortometraggi “Periferia dell’Impero” organizzato dal circolo Arci Matidia Sessa Aurunca (aderente all’Unione Circoli Cinematografici Arci).

Al concorso hanno partecipato 115 opere da tutto il mondo ma sono state selezionate dalla giuria solo 14. La portata dell’evento è intercontinentale e interculturale: Iran, USA, Spagna, Romania,Giappone, Francia e Italia saranno rappresentate dai loro artisti nelle due serate. Le cornici poetiche che hanno caratterizzato la maggior parte delle opere visionate sono il lavoro e le scommesse sulla dignità delle persone. Vai al sito della manifestazione!

Ecco l’ elenco delle 14 opere finaliste della sesta edizione:
“L’ impresa” di Davide Labandi (Italia)
“Rosa” di Alessio Di Cosimo (Italia)
“Have sweet dreams” di Ciprian Suhar (Romania),
“La Smorfia” di Emanuele Palamara (Italia)
“Teatro” di Ivan Ruiz Flores (Spagna),
“Ho appena fatto un sogno” di J.Navarro (Spagna)
“The good boy” di A. L. Lee (Stati Uniti)
“Tacco 12″ di Valerio Vestoso (Italia)
“La bambina” di Alì Asgari (Iran)
“Wut” di Sergi Marti Maltas (Spagna)
“Nel Silenzio” di L. Ferrante M. Ricca (Italia),
“La force de l’age” di Quintin Lecocq (Francia)
“Mokusatsu” di Nour Gharbi (Giappone)
“The fish and I” di Babak Habibifar (Iran)