insulti omofobi antonello sannino arci napoli disegno di legge zan

Insulti omofobi a Sannino, Arci Napoli: sospeso il giornalista Sparavigna

Esprimiamo soddisfazione per la scelta del Consiglio Disciplinare dell’Ordine dei giornalisti della Campania che – in primo grado – ha sospeso per tre mesi il fotoreporter Salvatore Sparavigna che lo scorso giugno aveva aggredito verbalmente con insulti omofobi e sessisti Antonello Sannino, segretario Arci Napoli.

Il fotoreporter, durante la telefonata, aveva più volte declinato il concetto che Sannino “fa il frocio con il culo degli altri” oltre a numerose battute insultanti con riferimento al suo orientamento sessuale. Sannino, in seguito all’aggressione, ha tempestivamente denunciato l’accaduto all’Ordine dei giornalisti della Campania che oggi gli ha dato pienamente ragione decretando la temporanea sospensione di Sparavigna. L’istruttoria ha confermato, si legge nel dispositivo della sentenza, la “fondatezza delle accuse” relative al mancato rispetto delle norme della deontologia professionale. Approfondimento su Arcigay Napoli

Come Arci auspichiamo al più presto l’approvazione del disegno di legge contro l’omo-lesbo-bi-transfobia e la misoginia : pochi giorni fa è arrivata notizia che ritorna finalmente in Aula la proposta di legge contro discriminazioni e violenze per motivi di orientamento sessuale, genere e identità di genere.

Il disegno di legge – di cui è relatore il deputato Alessandro Zan, e che unifica cinque disegni di legge di maggioranza e parte dell’opposizione – riguarda l’estensione della punibilità già prevista dagli artt. 604 bis e 604 ter c.p., per le condotte di commissione di atti discriminatori o istigazione alla commissione di atti discriminatori per motivi razziali, etnici, nazionali e religiosi, anche alle medesime condotte per motivi di genere, sesso, identità sessuale e orientamento sessuale.

L’approvazione del ddl permetterebbe inoltre di far avanzare sensibilmente il dibattito sulla piena cittadinanza di tutte le persone, e di porre fine a gravi forme di discriminazione in palese contrasto con l’art. 3 della Costituzione.

Condividi: